Giacometti e il Marchese de Sade in un confronto inedito a Parigi

30 novembre 2019


Nel 1933 Alberto Giacometti scrisse ad André Breton: “Ieri ho letto Sade, sono davvero interessato ai suoi scritti”. Ruota intorno a questa semplice quanto cruciale dichiarazione la mostra in corso fino al prossimo 9 febbraio a Parigi. Stiamo parlando di Cruels Objets of Desire, un inedito vis-à-vis tra lo scultore svizzero e il “Divin marchese” ‒ autore di classici della letteratura erotica, simbolo di libertinismo e fonte di ispirazione per molti intellettuali nei secoli a venire.

TRA SCULTURE E DOCUMENTI

Ospitato nelle sale dell’Institut Giacometti della capitale francese, il progetto alza il sipario sull’interesse dimostrato da Giacometti verso le tematiche affrontate da Sade nei suoi testi, portando sotto i riflettori una selezione di oltre quaranta lavori realizzati dal 1929 al 1934 – anni in cui l’artista si avvicinò al movimento surrealista.

Le sculture e i disegni qui proposti racchiudono l’attenzione verso i temi dell’inconscio, del sogno e della sessualità – territori abbondantemente sondati negli scritti di Sade, e qui presi come ispirazione per opere quali Uomo e donna, del 1928-29, o Gabbia, del 1933. A concludere l’itinerario, curato da Christian Alandete e Serena Bucalo-Mussely, anche una serie di taccuini personali dell’artista ‒ dove l’omaggio al Marchese diventa ancora più esplicito ‒, e un video di Estefania Peñafiel Loaiza: una rivisitazione contemporanea del celebre film surrealista Un cane andaluso, prodotto e interpretato nel 1929 da Luis Buñuel e Salvador Dalí.

[Immagine in apertura: Alberto Giacometti, Femme couchee qui reve, 1929 © Succession Alberto Giacometti Fondation Giacometti Paris + Adagp Paris 2019]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close