La Milano degli anni Sessanta raccontata in una mostra

6 novembre 2019


Palazzo Morando, a Milano, torna a soffermarsi sulla storia del capoluogo meneghino, portando questa volta sotto i riflettori il decennio degli anni Sessanta: un periodo di grande splendore e creatività, spezzato bruscamente dalla strage terroristica di piazza Fontana.

Milano Anni 60. Storia di un decennio irripetibile (aperta fino al prossimo 9 febbraio) si presenta come un lungo e appassionante viaggio nella magia e nel fermento post-bellico. È infatti in questi anni che, lasciata la guerra alle spalle, la città lombarda si risveglia in un periodo di crescita senza precedenti: a partire dall’evoluzione urbanistica del capoluogo ‒con la costruzione dei grattacieli, simbolo del boom economico ‒, fino all’arrivo in città dei grandi nomi del jazz e della musica pop ‒ con i memorabili concerti di Beatles e Rolling Stones.

UN DECENNIO D’ORO

Da Giorgio Gaber a Enzo Jannacci, da Lucio Fontana a Piero Manzoni, passando per il Pirellone e la Torre Velasca, la mostra ripercorre – attraverso fotografie, manifesti, riviste d’epoca e oggetti del tempo – i grandi eventi, i protagonisti e i simboli di quel periodo fiorente, soffermandosi sugli aspetti più eclatanti di quell’esplosione industriale e culturale.

Diviso in varie sezioni, l’itinerario di vista – curato da Stefano Galli – trova la sua tappa conclusiva negli anni finali di quel decennio d’oro, segnati dalle lotte studentesche e dagli scioperi generali. Un clima di tensione che improvvisamente, il 12 dicembre 1969, svegliò Milano da quel sogno a occhi aperti, con l’attentato alla Banca Nazionale dell’Agricoltura.

[Immagine in apertura: I Beatles sul tetto del Duomo © Archivi Farabola]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close