Robotica, ecologia e intelligenza artificiale al Mori Art Museum di Tokyo

19 novembre 2019


Il futuro è adesso” non sembra più essere solo una espressione linguistica di uso comune. I progressi conseguiti in ambito tecnologico stanno infatti già influendo sulla quotidianità degli esseri umani, con un significativo impatto su molteplici ambiti della ricerca, della progettazione e della produzione. Con la mostra Future and the Arts: AI, Robotics, Cities, Life ‒ How Humanity Will Live Tomorrow il Mori Art Museum di Tokyo si proietta ancora avanti, offrendo una visione degli orizzonti, imminenti e non sempre rassicuranti, verso i quali l’umanità si sta orientando.

IL FUTURO IN MOSTRA

Puntando l’obiettivo sui prossimi venti-trenta anni, l’istituzione giapponese riunisce una pluralità di progetti e sperimentazioni. Promossa con l’obiettivo di indagare quali saranno le condizioni di vita dell’umanità domani, la mostra affianca testimonianze e opere direttamente legate alla biotecnologia, alla robotica, alla realtà aumentata e all’intelligenza artificiale. Un itinerario, tra scienza e tecnologia, che sonda in profondità i territori dell’arte, del design e dell’architettura documentando influenze e connessioni con gli ambiti di ricerca citati.

Cinque le sezioni del percorso espositivo, che include oltre 100 esempi, tra opere e progetti: dalle visioni urbane delle città del futuro, proposte in New Possibilities of Cities, all’avvento dell’architettura neo-metabolica; dalle innovazioni introdotte nel design, capaci di rivoluzionare gli stili di vita, fino alle questioni di natura etica e ambientale con le quali gli esseri umani saranno costretti a misurarsi.

La mostra, che intende sollecitare l’attenzione dei visitatori anche sulla prospettiva di un’estensione della durata media della vita umana e sulle conseguenze di tale traguardo, raccoglie interventi sviluppati da importanti studi di progettazione internazionali. Bjarke Ingels Group è presente con due lavori – l’Oceanix City e The Orb, sviluppato con Jakob Lange –; ecoLogicStudio – realtà diretta da Claudia Pasquero e Marco Poletto – espone l’installazione H.O.R.T.U.S. XL Astaxanthin.g.

[Immagine in apertura, ecoLogicStudio, H.O.R.T.U.S. XL Astaxanthin.g, 2019 © NAARO]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close