A Treviso la natura si mette in posa

27 novembre 2019


Frutta, oggetti di uso quotidiano, mazzi di fiori. La natura morta si mette in mostra a Treviso, con un progetto che sta per debuttare negli spazi del Complesso di Santa Caterina. A occupare la scena sono cinquanta capolavori, offerti al pubblico con l’obiettivo di sottolineare le evoluzioni di questo genere di pittura, che tanto ebbe successo nell’Europa del 1600.

Aperta dal 30 novembre al 31 maggio 2020, Natura in posa. Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo con la fotografia contemporanea si presenta come un’inedita retrospettiva sugli sviluppi della rappresentazione degli oggetti inanimati, attraverso una scansione di dipinti tra i più iconici sul tema. Dalle tele di Jan Brueghel, Pieter Claesz e Willem Claesz Heda – maestri dell’arte fiamminga – , agli esiti di autori italiani come Francesco Bassano e Lodovico Pozzoserrato – che pure si cimentarono nel genere declinandolo in base alle peculiarità geografiche di appartenenza.

Puntando l’attenzione sulle differenze culturali e sulle variazioni compositive degli autori coinvolti, il percorso  curato da Francesca Del Torre, Gerlinde Gruber e Sabine Pénot  offrirà  un colpo sulle diverse sfumature della pratica “still life”, accompagnando l’osservatore all’interno di un’atmosfera elegante e contemplativa.

DAI DIPINTI ALLE FOTO

Ad arricchire la selezione delle opere pittoriche, provenienti dalle collezioni del Kunsthistorisches Museum di Vienna e per la prima volta esposte al pubblico italiano, anche una speciale sezione dedicata alla fotografia contemporanea. Curato da Denis Curti, quest’ultimo “capitolo” dell’itinerario di visita tenterà di definire le evoluzioni del tema della natura morta nel linguaggio della fotografia, presentando una selezione di scatti realizzati da autori tra i più noti della scena internazionale, come David LaChapelle, Martin Parr, Robert Mapplethorpe e Araki. Il dialogo tra medium differenti, e il salto cronologico tra i dipinti e le foto, sarà pretesto per una riflessione quanto mai estesa e ragionata sull’argomento.

[Immagine in apertura: Attribuito a Jan van den Hecke, Cesto di fiori, XVII secolo, olio su tela, 35 cm × 49 cm. Courtesy KHM-Museumsverband]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close