Shakespeare non fu l’unico autore dell'”Enrico VIII”. Lo rivela l’intelligenza artificiale

30 novembre 2019


E se la storia dell’arte e della letteratura non fosse come ce l’hanno insegnata? È di questi giorni la notizia di una sorprendente scoperta, che mette in discussione la paternità di una delle opere cardine della cultura occidentale. Stiamo parlando dell’Enrico VIII, ultimo tra i componimenti teatrali di William Shakespeare – realizzato tra il 1612 e il 1613.

Stando alle dimostrazioni di un ricercatore dell’Accademia di Scienze di Praga, l’opera sarebbe infatti da attribuire in larga misura a un secondo autore, di certo meno conosciuto, ma che avrebbe accompagnato Shakespeare in modo determinante nella stesura del capolavoro, arrivando a scrivere quasi metà del testo, oltre che una serie di scene composte a quattro mani con il poeta inglese. Il nome del misterioso scrittore sarebbe John Fletcher – un nome, in verità, non nuovo alla critica shakespeariana, e già menzionato nel 1850 da James Spedding come possibile co-autore del dramma.

I DATI DELLA RICERCA

A rispolverare la clamorosa teoria, a 169 anni di distanza, è oggi il professor Petr Plecháč che, servendosi di un apposito algoritmo, è riuscito a calcolare una percentuale attendibile delle parti dell’opera effettivamente composte da Fletcher. Per arrivare a ciò, il ricercatore ceco ha analizzato un campione di opere dei due scrittori, identificando, tramite l’intelligenza artificiale, lo stile, la metrica e le parole maggiormente usate all’interno dei rispettivi testi.

Ponendo i dati in relazione all’Enrico VIII, si è constatato che solo le prime due scene del IV e V atto e una parte del V sarebbero state scritte dal maestro inglese, mentre le restanti sarebbero da ricondurre a un lavoro a quattro mani, se non addirittura alla sola penna di Fletcher, rimasto a questo punto per secoli all’ombra del “padre” di Amleto.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close