“La Vucciria” di Renato Guttuso, ospite speciale a Montecitorio

29 novembre 2019


Dopo il debutto del dipinto di Filippino Lippi nella sede comunale di Palazzo Marino a Milano, un altro importante luogo della cultura politica italiana si appresta a ricevere (temporaneamente) uno dei quadri simbolo della nostra tradizione. Stiamo parlando de La Vucciria, uno dei dipinti più celebri di Renato Guttuso, pronto a diventare protagonista nell’appuntamento a lui dedicato presso la Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio, sede della Camera dei Deputati di Roma.

In prestito dal Complesso Monumentale del Palazzo Chiaromonte – Steri dell’Università di Palermo – a cui il dipinto venne donato dallo stesso autore –, l’opera sarà esposta a partire da oggi – 29 novembre – fino al prossimo 12 gennaio, trasportando negli spazi istituzionali capitolini tutti i profumi e le voci del mercato storico più noto di Palermo.

UNA SCENA DI MERCATO

A essere rappresentato nel grande dipinto, realizzato da Guttuso nel 1974, è infatti un frammento di vita quotidiana. Pescivendoli, macellai e gente comune occupano la composizione, circondati da un tripudio di colori – quelli della frutta, del pesce fresco e della carne. Una scena che esprime tutto il realismo crudo tipico della pittura dell’artista siciliano, e che a Palazzo Montecitorio sarà in compagnia di altri due capolavori di Guttuso: il Cristo deriso e i Carrettieri siciliani, già appartenenti alle Collezioni della Camera dei Deputati.

Promossa dall’Università degli Studi di Palermo e dalla Fondazione Sicilia, l’esposizione rientra in un piano di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale siculo. Un appuntamento a cui seguiranno altri eventi, con altrettanti protagonisti legati a regioni diverse della penisola.

[Immagine in apertura: Renato Guttuso, La Vucciria, 1974, olio su tela, 300 x 300 cm,
Università degli studi di Palermo, in esposizione permanente presso il Complesso Monumentale dello Steri]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close