“La Vucciria” di Renato Guttuso, ospite speciale a Montecitorio

29 novembre 2019


Dopo il debutto del dipinto di Filippino Lippi nella sede comunale di Palazzo Marino a Milano, un altro importante luogo della cultura politica italiana si appresta a ricevere (temporaneamente) uno dei quadri simbolo della nostra tradizione. Stiamo parlando de La Vucciria, uno dei dipinti più celebri di Renato Guttuso, pronto a diventare protagonista nell’appuntamento a lui dedicato presso la Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio, sede della Camera dei Deputati di Roma.

In prestito dal Complesso Monumentale del Palazzo Chiaromonte – Steri dell’Università di Palermo – a cui il dipinto venne donato dallo stesso autore –, l’opera sarà esposta a partire da oggi – 29 novembre – fino al prossimo 12 gennaio, trasportando negli spazi istituzionali capitolini tutti i profumi e le voci del mercato storico più noto di Palermo.

UNA SCENA DI MERCATO

A essere rappresentato nel grande dipinto, realizzato da Guttuso nel 1974, è infatti un frammento di vita quotidiana. Pescivendoli, macellai e gente comune occupano la composizione, circondati da un tripudio di colori – quelli della frutta, del pesce fresco e della carne. Una scena che esprime tutto il realismo crudo tipico della pittura dell’artista siciliano, e che a Palazzo Montecitorio sarà in compagnia di altri due capolavori di Guttuso: il Cristo deriso e i Carrettieri siciliani, già appartenenti alle Collezioni della Camera dei Deputati.

Promossa dall’Università degli Studi di Palermo e dalla Fondazione Sicilia, l’esposizione rientra in un piano di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale siculo. Un appuntamento a cui seguiranno altri eventi, con altrettanti protagonisti legati a regioni diverse della penisola.

[Immagine in apertura: Renato Guttuso, La Vucciria, 1974, olio su tela, 300 x 300 cm,
Università degli studi di Palermo, in esposizione permanente presso il Complesso Monumentale dello Steri]