L’autore del romanzo “Ladri di biciclette” entra nella collezione degli Uffizi

25 dicembre 2019

Luigi Bartolini, Donne nel Passirio, 1937, courtesy Le Gallerie degli Uffizi

Nel 1946 scrisse il romanzo Ladri di biciclette, cui Cesare Zavattini si ispirò per comporre la sceneggiatura del celeberrimo e omonimo film di Vittorio De Sica, capolavoro del neorealismo. Stiamo parlando di Luigi Bartolini, poeta, scrittore e anche uno tra i più grandi incisori del Novecento, con una lunga carriera durata oltre quarant’anni, ora entrato a far parte della collezione degli Uffizi.

LE ACQUEFORTI

È, infatti, notizia di pochi giorni fa l’acquisto di otto sue importanti acqueforti a Firenze da Pananti, nell’ambito di un’asta alla quale partecipato il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt. Le opere dell’artista di origini anconetane, il cui stile inconfondibile affonda le radici nella tecnica di incisione a secco, andranno ora a integrare la ricca collezione del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi, custode di altri dodici lavori di Bartolini.

[Immagine in apertura: Luigi Bartolini, Donne nel Passirio, 1937, courtesy Le Gallerie degli Uffizi]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close