Damien Hirst presto in mostra a Parigi

28 dicembre 2019

Damien Hirst, Treasures from the Wreck of the Unbelievable, exhibition view della mostra a Palazzo Grassi, Venezia. Photo by Irene Fanizza

Si prospetta un tripudio di colori la mostra appena annunciata dalla Fondation Cartier di Parigi: un progetto che, con abbondante anticipo, sta già circolando sul web lasciando in trepidante attesa il mondo dell’arte contemporanea.

IL RITORNO DI HIRST

A occupare lo “stage” dell’istituzione francese – attualmente impegnata in una rassegna multidisciplinare dedicata alla vita degli alberi – sarà Damien Hirst, il bad boy dell’arte britannica, pronto a fare il suo ritorno sotto i riflettori dopo due anni di lavoro solitario in studio, tutto all’insegna della pittura. Un silenzio voluto e cercato dall’artista, dopo il roboante progetto veneziano Treasures from the Wreck of the Unbelievable (nell’immagine in apertura, photo Irene Fanizza via Artribune).

Cherry Blossoms – questo il titolo del futuro progetto, che avrà luogo da giugno a novembre 2020 – raccoglierà una selezione di grandi tele dall’ultimo gruppo di opere prodotte: una serie di alberi di ciliegio fioriti, evocati sulla superficie sotto forma di “puntini” colorati, “figli” dei celebri Spot Paintings realizzati dall’artista qualche anno fa. L’esposizione – definita come “un omaggio ai grandi movimenti artistici della fine del XIX e del XX secolo” – sarà la prima di Damien Hirst in una sede istituzionale francese.