I “cadaveri” di plastica dei Luzinterruptus contro il climate change

6 gennaio 2020

Luzinterruptus, Death by Plastic, 2019, photo Melisa Hernández, courtesy Luzinterruptus

Non è la prima volta che il collettivo spagnolo Luzinterruptus decide di dedicarsi al tema dell’ecosostenibilità. Dopo gli interventi recenti a Washington – con l’installazione per il diritto all’acqua Let’s Go Fetch Water! – e a Valencia – con il “giardino” di bottiglie di plastica per il progetto Sensemurs –, il gruppo di artisti anonimi ha dato vita a una nuova operazione. Stiamo parlando di Death by Plastic, un ammasso di “corpi” realizzati attraverso l’assemblaggio di oggetti di recupero e di uso comune, illuminati e sparsi sul suolo antistante il centro congressi di Madrid.

È qui che, lo scorso 8 dicembre, ha infatti avuto luogo il COP25 World Climate Summit, la conferenza mondiale sul clima che ha radunato i maggiori capi di Stato per discutere sui temi dell’emergenza globale.

UN’OPERA EFFIMERA

In risposta all’urgenza del tema, e alla carenza di risposte da parte dei leader mondiali, il collettivo spagnolo ha così reagito a modo suo, piazzando sulla strada un insieme di manichini fatti di bottiglie, bicchieri e buste di plastica, contornati di gesso proprio come in una scena del crimine. Dopo poche ore – come spesso accade nelle opere (effimere) dei Luzinterruptus – i “corpi” sono stati portati via. Un intervento che evoca la morte, simulata per segnalare l’“apocalisse ecologica” che il mondo sta attraversando.

[Immagine in apertura: Luzinterruptus, Death by Plastic, 2019, photo Melisa Hernández, courtesy Luzinterruptus]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close