A Monza, una mostra sulle stampe “spirituali” di Salvador Dalí

1 gennaio 2020

vista dall'allestimento della mostra Royal Dalí, alla Villa Reale di Monza. Courtesy Villa Reale di Monza

Salvador Dalí lo conosciamo tutti per il suo carattere eccentrico e visionario, simbolo per eccellenza dello spirito surrealista. Eppure tutta la sua attività artistica fu costellata di opere “minori” nelle quali l’autore tentò un confronto spesso intimo e silenzioso con le tematiche del sacro, della spiritualità e del dialogo col Divino. Un aspetto, dunque, tutt’altro che stravagante della sua ricerca, e che viene oggi riportato alla luce da una nuova rassegna, in corso fino al 7 dicembre 2021 nel piano Belvedere della Villa Reale di Monza.

A comporre le varie sezioni della mostra – dal titolo Royal Dalí –, un corpo di oltre 270 opere tra stampe d’arte, pergamene e volumi realizzati dall’artista catalano nel corso della sua lunga parabola creativa. Un tracciato vasto nelle dimensioni e ricercato negli spunti di riflessione offerti, permettendo al visitatore di immergersi nei meandri più affascinanti e forse meno noti della ricerca del pittore degli “orologi molli”.

IL PERCORSO ESPOSITIVO

A dare inizio al percorso espositivo sono le centocinque serilitografie della serie dedicata alla Biblia Sacra: un viaggio mistico  dove la simbologia tipica dell’artista si incontra con gli elementi della fede cattolica, dando vita a una collezione di stampe colorate dal forte impatto emotivo. Il mito shakespeariano di Romeo e Giulietta è invece indagato nell’omonima serie di serigrafie del 1975, mentre la tematica della religione torna prepotente in Pater Noster: nove litografie che interpretano le parole della preghiera latina, con un inedito omaggio alla figura di Papa Paolo VI.

Chiude il tragitto di visita una sezione dedicata alle avventure amorose di Giacomo Casanova e di Tristan Corbiére, e la rappresentazione in chiave psicanalitica della Divina Commedia, rivisitata in ben cento xilografie che riproducono, tra demoni, dannati e angeli divini, il percorso di Dante nei tre regni dell’aldilà.

[Immagine in apertura: vista dall’allestimento della mostra Royal Dalí, alla Villa Reale di Monza. Courtesy Villa Reale di Monza]