Fare il giro del mondo con i tour virtuali dei musei

23 marzo 2020

LOUVRE

La risposta data dalle istituzioni culturali italiane fin dai primi giorni dell’emergenza Coronavirus è stata ampia e diversificata. Dopo l’appello lanciato dal Ministero dei Beni Culturali e per il Turismo, si sono moltiplicate le iniziative promosse per “sostenere”, con gli strumenti propri della cultura, la forzata permanenza della cittadinanza in casa; alcune tra queste si rivolgono espressamente ai più piccoli. La progressiva diffusione del virus oltre i nostri confini ha spinto anche i musei internazionali a intraprendere percorsi analoghi. Proprio come già avvenuto in Italia, si tratta di iniziative che puntano sulle potenzialità di internet e sull’accessibilità online, nelle sue molteplici declinazioni. Una menzione speciale meritano i tour virtuali nei musei, che consentono di non perdere il legame con la “dimensione architettonica” e simulano l’esperienza di visita. In attesa di poter varcare di nuovo la soglia di questi luoghi, densi di storia, arte e memorie.

LOUVRE ‒ PARIGI

Fermarsi in solitaria di fronte alle antichità egizie conservate nel principale museo di Francia? Solo una delle opportunità concesse dal sito del Louvre (nell’immagine in apertura), che fra i suoi virtual tour consente anche di ammirare la Galerie d’Apollon: situata al di sopra della Petite Galerie, fu distrutta da un incendio nel 1661 e ricostruita. Recentemente restaurata, vanta affreschi eseguiti, tra gli altri, anche da Delacroix.

MUSEI VATICANI ‒ CITTÀ DEL VATICANO

Collegandosi al sito ufficiale dei Musei Vaticani, tra i più visitati al mondo, è possibile godere della straordinaria bellezza di questo luogo. Ben 7 i tour virtuali disponibili, con rotazioni della visuale fino a 360° e immagini ad altissima definizione. Si passa dalla Cappella Sistina alle Stanze di Raffaello, fino alle sale del Museo Pio Clementino.

SOLOMON R. GUGGENHEIM MUSEUM ‒ NEW YORK

Oltreoceano, l’invito a restare a casa è stata accolto e viene veicolato da decine di musei. Tra questi il Solomon R. Guggenheim di New York, dove solo qualche settimana fa è stata inaugurata la mostra Countryside. The Future. Anche in questo caso, come per oltre 2700 siti di interesse culturale nel mondo, il tour virtuale avviene tramite Google Arts & Culture. Collegandosi al sito ufficiale, l’offerta per questo periodo include le audio guide all’iconica struttura architettonica progettata da Frank Lloyd Wright.

NATIONAL GALLERY ‒ LONDRA

Esperibili da pc, smartphone o tablet, i virtual tour della National Gallery di Londra sono attivi già da alcuni anni. Una delle opzioni disponibili permette di intraprendere un percorso all’interno della cosiddetta Sainsbury Wing anche con visori VR: una tecnologia d’avanguardia per riscoprire circa 270 opere eseguite tra il 1200 e il 1500.

PINACOTECA DI BRERA ‒ MILANO

Svelano ciò che di solito resta celato agli occhi dei visitatori e offrono contenuti di qualità per un pubblico eterogeneo gli Appunti per una resistenza culturale, quotidianamente proposti sul sito della Pinacoteca di Brera. Alcuni tra questi sono realizzati dal personale del museo milanese e intendono documentare come, nonostante l’inaccessibilità, questa istituzione resti in attività. Gli utenti possono così accrescere la propria consapevolezza su operazioni come l’allestimento e la movimentazioni delle opere conservate, oltre ad ammirare alcuni dei capolavori iconici della collezione.