L’arte neo-pop di Jeff Koons in mostra a Tel Aviv

4 marzo 2020

 Dolphin Taz Trashcan, 2007-2011, polychromed aluminum, galvanized steel, coated steel chain. © Jeff Koons. Photo Marc Domage

Diciamo la verità: che piacciano o meno le sue opere, Jeff Koons è stato forse l’artista capace più di tutti di rappresentare lo zeitgeist del nostro tempo, sintetizzando fascino e decadenza del consumismo. E nonostante qualcosa cominci a sussurrarci all’orecchio che le cose stanno cambiando, che il culto della ricchezza scricchiola e la sua estetica kitsch sembra per certi versi ormai “passata”, c’è più di una ragione per credere che i suoi lavori siano in grado ancora di parlarci, se non altro come testimoni eccellenti di un mondo che abbiamo vissuto.

A rendere omaggio alla produzione di questo “fuoriclasse” dell’arte mondiale è oggi il Tel Aviv Museum of Art, pronto ad aprire i battenti della nuova esposizione Absolute Value, interamente dedicata al pittore e scultore americano.

TRA DELFINI GONFIABILI E CAGNOLINI

Curata da Doron Rabina – e in calendario dal 10 marzo al 10 ottobre –, la mostra presenta venti lavori su larga scala, arrivati in prestito dalla Marie and Jose Mugrabi Collection – tra le raccolte d’arte più complete e riconosciute al mondo. Distribuite su oltre 850 metri quadrati, le opere definiscono tre decadi di attività dell’artista, offrendo al pubblico un’occasione unica per prendere confidenza con le evoluzioni stilistiche dell’autore, noto per il suo inconfondibile stile neo-pop.

All’interno del percorso espositivo spiccano lavori ben riconoscibili, come le iconiche sculture in alluminio specchiato, o quelle realizzate nel primo decennio del Duemila, dove animali gonfiabili e reperti del quotidiano si “incastrano” senza un apparente ordine estetico. A dare ancor più lustro al progetto – il primo per l’artista in Israele – anche la presenza di Ballet Couple, concluso nel 2019 e mai presentato prima d’ora in uno spazio pubblico.

[Immagine in apertura: Dolphin Taz Trashcan, 2007-2011, polychromed aluminum, galvanized steel, coated steel chain. © Jeff Koons. Photo Marc Domage]