Marina Abramović al fianco dell’Italia nella lotta contro il Coronavirus

22 marzo 2020

Arturo Galansino, direttore della Fondazione Palazzo Strozzi e Marina Abramović insieme a Firenze, 2019. Photo Alessandro Moggi

Il mondo dell’arte contemporanea internazionale incoraggia e sostiene l’Italia utilizzando Palazzo Strozzi come cassa di risonanza. Succede, così, che anche Marina Abramović si unisca ad altri artisti che hanno lavorato con il prestigioso centro culturale fiorentino come Ai Weiwei e Tomás Saraceno per esprimere messaggi di incoraggiamento per l’Italia, primo Paese in Europa colpito così gravemente dalla pandemia da Coronavirus.

Questo è il mio messaggio per l’Italia e per gli italiani, che io amo profondamente”, ha detto la grande performer di origine serba in un video esclusivo per Palazzo Strozzi, che l’ha vista brillare con la mostra The Cleaner.

IL MESSAGGIO

Sappiamo che questo è un momento di crisi e che il virus ormai è ovunque. Ma allo stesso tempo dobbiamo imparare una lezione da questi disastri. Gli italiani stanno dimostrando grande coraggio, un profondo senso di comunità e umanità. Dobbiamo combattere insieme. È qualcosa che passerà e ciò che rimarrà sarà un’esperienza davvero importante: la coscienza umana deve cambiare, il nostro approccio al mondo e al pianeta deve cambiare. Questa è la lezione che dobbiamo imparare. Italia, ti amo. Il mio cuore è con voi”. Con queste parole la Abramović ha dimostrato il suo supporto all’Italia in un momento di grande difficoltà, rinsaldando un legame decennale con il nostro Paese.

[Immagine in apertura: Arturo Galansino, direttore della Fondazione Palazzo Strozzi, e Marina Abramović insieme a Firenze, 2019. Photo Alessandro Moggi]