Addio al papà di Asterix: il mondo del fumetto piange Albert Uderzo

24 marzo 2020


Il mondo del fumetto e dell’animazione dice addio a uno dei suoi padri più illustri, Albert Uderzo, creatore di Asterix. A dare l’annuncio della scomparsa è stata la famiglia del disegnatore, stroncato nel sonno la scorsa notte a causa di una crisi cardiaca all’età di 92 anni.

Nato nella città francese di Fismes il 25 aprile 1927, l’artista cominciò la sua carriera giovanissimo, iniziando a disegnare storie a fumetti dal taglio avventuroso: tra le opere di formazione più importanti Flamberge, gentiluomo guascone – del 1945 – e Clopinard, pubblicato l’anno seguente.

IL SUCCESSO DI ASTERIX

Nonostante la relativa fama nel circuito del fumetto francese, è solo dopo l’incontro con Renè Goscinny che la sua notorietà si attesta anche oltre i confini nazionali, grazie alla creazione della serie Asterix, uscita la prima volta sulla rivista Pilote nel 1959.

Le avventure del piccolo guerriero gallico e del suo fedele compagno Obelix diventano presto un successo planetario, arrivando a essere tradotte in più di cento Paesi.
Pur mantenendo la supervisione degli albi fino all’ultimo numero della collana, uscito nel 2019, Uderzo aveva smesso di lavorare attivamente ad Asterix già da qualche anno. L’ultimo numero firmato dall’autore risale al 2011, con il titolo Il compleanno di Asterix & Obelix.