L’architettura si studia anche via web grazie alla Biennale di Venezia

15 aprile 2020

Atelier Marko Brajovic, Brasile, courtesy La Biennale di Venezia

Sembra incerto più che mai il destino della prossima Biennale di Architettura di Venezia, prima costretta a posticipare la sua data di inaugurazione a causa dell’emergenza sanitaria, e ora in bilico tra la possibilità di avere effettivamente luogo e quella, funesta, di una straordinaria cancellazione, qualora l’emergenza globale lo richiedesse.

I lavori, però, non si fermano e, dopo la presa di posizione del Padiglione russo, che ha deciso di trasformarsi in una piattaforma digitale anticipando temi e protagonisti della kermesse, oggi è la stessa Biennale di Venezia a compiere uno step a favore del pubblico da casa. Succede attraverso Imparando alla Biennale, la nuova proposta online dedicata agli studenti delle scuole secondarie di primo grado.

UN PROGETTO EDUCATIVO

Organizzata dagli operatori del settore Educational, e consultabile sul sito della Biennale, l’iniziativa presenta una galleria di opere e progetti di artisti e architetti invitati in Laguna a partire dal prossimo 29 agosto (giorno previsto per l’inaugurazione dell’evento).

Attraverso una serie di schede ricche di immagini e approfondimenti, gli studenti sono invitati a esplorare la ricerca di questi autori – fra gli altri Aires Mateus, Peju Alatise e Atelier Marko Brajovic –, a conoscerne i temi trattati e le caratteristiche progettuali, ma soprattutto a riflettere sulle questioni poste dal tema di quest’anno: How will we live together?.

A completare l’offerta educativa anche una serie di iniziative (virtuali) per le scuole primarie e per le famiglie, pensate per coinvolgere il pubblico e mantenere alto l’interesse in attesa del grande evento.

[Immagine in apertura: Atelier Marko Brajovic, Brasile, courtesy La Biennale di Venezia]