Here Comes the Sun: la coperta per picnic che assicura il distanziamento

25 aprile 2020

Here Comes the Sun, courtesy Paul Cocksedge Studio

Come sarà il nostro futuro dopo la pandemia? Come si adegueranno i luoghi della cultura e gli spazi destinati alla condivisione sociale alle nuove norme di distanziamento e di sicurezza? A poche settimane da un possibile e sperato alleggerimento delle misure di quarantena, queste domande continuano ad alimentare il dibattito fra i professionisti della progettazione e dell’architettura, motivati dall’obiettivo di trovare nuove soluzioni per la ridefinizione degli ambienti di lavoro e di svago.

Dopo avervi raccontato del Parc de la Distanceil recente progetto sviluppato dallo Studio Precht per la città di Vienna –, ci soffermiamo oggi su un nuovo lavoro di design, frutto della ricerca del noto Paul Cocksedge Studio di Londra. Stiamo parlando di Here Comes the Sun, la coperta a struttura circolare pensata per consentire di socializzare e spendere del tempo in compagnia nei mesi successivi al lockdown.

IL PROGETTO

La finalità del progetto è quella di permettere a ognuno di noi di poter passare del tempo all’aperto, insieme ai nostri amici o alla nostra famiglia. La coperta è infatti caratterizzata da una struttura ad anello di stoffa, attorno alla quale sono collocate quattro piattaforme: delle “isole” poste a distanza di due metri l’una dall’altra, che permettono agli utenti di sentirsi in compagnia rispettando le norme di lontananza per limitare la diffusione della pandemia.

Il lockdown ha dato vita ad alcune incredibili esplosioni di creatività e volevo contribuire con qualcosa di positivo, che guardasse al futuro” dice Paul Cocksedge. “La tecnologia è stata di grande aiuto nelle ultime settimane, ma è evidente come le persone siano disperate riguardo alla possibilità di tornare a interagire tra loro. Questa coperta è una risposta giocosa alle incertezze del post-lockdown: un’opera di design democratico che ognuno può scaricare e realizzare autonomamente”. I dettagli tecnici del prodotto sono infatti liberamente reperibili sul sito web dello studio, messi a disposizione di chiunque voglia realizzare (e personalizzare) il progetto.

[Immagine in apertura: Here Comes the Sun, courtesy Paul Cocksedge Studio]