I Have a Gift: donare arte in segno di solidarietà

10 aprile 2020

Driant Zeneli, Those who tried to put the Rainbow back in the Sky. Stampa fotografica a colori, carta opaca 25x45cm, edizione in 5 copie

La risposta degli artisti all’emergenza causata dalla diffusione del Coronavirus è sempre più intensa. A scendere in campo stavolta sono 22 protagonisti del panorama contemporaneo, radunati da I Have a Gift, la campagna curata da Francesca Guerisoli con il supporto organizzativo di Wunderbar Cultural Projects.

Costruita attorno all’idea di dono, l’iniziativa offre la possibilità di ricevere un’opera di uno degli artisti che hanno aderito al progetto in cambio di una donazione a uno degli ospedali COVID-19 italiani. L’obiettivo è, ancora una volta, trasformare l’energia creativa in uno strumento di solidarietà e supporto in un momento di difficoltà globale.

DONO, ARTE E SOLIDARIETÀ

Flavio Favelli, Elena Mazzi, Fabrizio Bellomo, Virginia Zanetti e Driant Zeneli sono solo alcuni degli artisti che hanno messo a disposizione le loro opere ‒ ciascuna delle quali ha un valore di mercato compreso fra i 250 e i 5mila euro ‒ e il loro sostegno, confermando l’importante ruolo dell’arte in questo frangente.

I donatori potranno scegliere, sino al 15 aprile, tra fotografie, sculture, disegni e oggetti esito di azioni partecipative e riceverli in dono a fronte di un gesto solidale altrettanto prezioso. I Have a Gift va ad affiancarsi alle molte iniziative di cui gli artisti si sono fatti promotori nelle ultime settimane: gesti concreti che infondono speranza e guardano al futuro.

[Immagine in apertura: Driant Zeneli, Those who tried to put the Rainbow back in the Sky. Stampa fotografica a colori, carta opaca 25x45cm, edizione in 5 copie]