Nel 2021 aprirà Museum Depot, il primo deposito museale ad accesso libero

3 maggio 2020

Depot Boijmans Van Beuningen. Photo Ossip van Duivenbode

Vi piacerebbe poter accedere ai depositi di un museo, oltre ad ammirarne i capolavori esposti nelle sale? Buone notizie: la realizzazione di questo desiderio potrebbe essere più vicina del previsto. A Rotterdam sta per partire il conto alla rovescia per l’apertura del nuovo Depot Boijmans Van Beuningen, il primo deposito museale accessibile non solo agli addetti del settore.

La struttura nasce su impulso del Museum Boijmans Van Beuningen, che ha scelto di affidarsi allo studio di architettura olandese MVRDV per un progetto senza precedenti. Una volta aperto al pubblico, nell’autunno 2021, il nuovo edificio consentirà infatti di poter vedere con i propri occhi la maggior parte delle 151mila opere della collezione dell’istituzione museale. Anche il Museum Boijmans Van Beuningen, analogamente ad altri musei, è infatti in grado di presentare meno del 10% del proprio patrimonio, che include opere di Bosch, Rembrandt, Van Gogh, Dalí ed esempi di design olandese.

IL PROGETTO DELLO STUDIO MVRDV

In costruzione all’interno del Museumpark di Rotterdam e adiacente al Museum Boijmans Van Beuningen, l’edificio disporrà di una superficie di 15mila metri quadrati, distribuita su sei livelli. Alto poco meno di 40 metri e caratterizzato all’esterno da una “scocca specchiante”, sarà sormontato da un roof garden in cui verranno collocati settantacinque alberi. All’interno i visitatori potranno optare per un tour con o senza guida; in entrambi i casi, avranno l’inedita opportunità di accrescere la propria consapevolezza del “dietro le quinte” della vita di un museo. Un modo per comprendere qualcosa di più delle tante attività e operazioni che si svolgono a frequenza quotidiana.

I visitatori acquisiranno nuove conoscenze sulla nostra cultura condivisa e sul nostro
patrimonio (e su come viene curato e mantenuto) attraverso un’esperienza d’arte non mediata: per la prima volta qui a Rotterdam l’intera collezione sarà visibile a tutti“, ha annunciato Sjarel Ex, che dirige il Museum Boijmans Van Beuningen. E non finisce qui: una parte dell’edificio sarà destinata all’affitto, fungendo da deposito temporaneo per collezionisti privati, aziendali o altri musei.

[Immagine in apertura: Depot Boijmans Van Beuningen. Photo Ossip van Duivenbode]