Le carte da parati illustrate di Alessandro Baronciani

26 maggio 2020

Alessandro Baronciani, Le Parati Wall-Flowers Girl, 2020

Prende il titolo da un gioco di parole decisamente evocativo l’ultimo progetto di Alessandro Baronciani. Stiamo parlando di Wall-Flower Girls – un nome che in inglese identifica le ragazze che alle feste non ballano mai con nessuno: donne schive al punto da diventare invisibili e confondersi con il pattern della “tappezzeria”.

Un’immagine romantica e dal gusto dolce-amaro che deve aver stregato l’autore. Ognuna delle opere della serie consiste infatti in un raffinatissimo volto femminile realizzato su un set di piccoli fogli di carta da parati.

LE RAGAZZE DI BARONCIANI

Raffigurate con segno elegante, nero e marcato – in linea con il linguaggio sempre riconoscibile dell’artista e fumettista pesarese – le bellissime “ragazze” di Baronciani si stagliano su uno scenario ricco di fantasie floreali e pattern a tema naturale. Timide e riservate, le protagoniste delle carte risaltano sullo sfondo ma allo stesso tempo ci si confondono: i lineamenti del viso si intrecciano ai giochi di fantasia del background, invitando l’osservatore ad addentrarsi in un groviglio di fiori, foglie e dettagli colorati.

Sono stato sempre affascinato dalle carte da parati” dice l’artista. “Una volta ho provato anche a metterle in casa. Ho ordinato i rotoli, comprato la colla, la spatola, ma poi è finito tutto in una scatola. Dal negozio uscii però con una decina di quaderni enormi e pesantissimi: erano tutti campionari di carte da parati fuori catalogo che erano stati buttati in un sottoscala. Non sapevo ancora cosa farci, ma mi piacevano!”. Rimasti nel cassetto dell’autore per mesi e mesi, questi fogli prendono ora nuova vita, trasformandosi in gioiellini di grafica d’arte.