Dall’infanzia alla street art: i disegni di Ericailcane in arrivo a Ravenna

28 maggio 2020

Ericailcane, Rockfeller, tecnica mista su carta, 40 x 60 cm, 2016. Courtesy l'artista

Riscoprire i propri disegni da bambino è una delle esperienze più rivelatrici che un artista affermato possa compiere. Confrontarsi con fantasmi e fantasie del passato, rivedere con occhio adulto mostri e supereroi nascosti dietro quei primi “viaggi” su carta è infatti un modo per fare i conti con il proprio background, e capire con maggiore consapevolezza il percorso affrontato negli anni. Da dove si è partiti? E quanta strada è stata fatta con quella matita colorata in mano?

A porsi queste domande è oggi uno dei nomi più noti e influenti della street art italiana: Ericailcane, presto in mostra con un nuovo progetto ospitato – a partire dal 6 giugno – negli spazi di Palazzo Rasponi dalle Teste a Ravenna.

SFIDARE IL TEMPO

Curata da Andrea Losavio e Paolo Trioschi, e organizzata in sinergia con la galleria D406 di Modena, l’esposizione – dal titolo Potente di fuoco e altri disegni – raccoglie uno straordinario corpus di opere selezionate in oltre trent’anni di attività.

Il percorso espositivo presenta infatti 88 disegni su carta (mai così tanti per una mostra dell’artista): da un lato quelli realizzati nel 1985 dal piccolo Leonardo – scarabocchi con pennarelli e matite simbolo di un universo fanciullesco vivido e inquieto; dall’altro gli stessi bozzetti reinterpretati in chiave adulta dallo stesso autore, deciso a sfidare il tempo sulla base dell’esperienza acquisita negli anni. Ecco allora che il segno infantile cede il passo a quello ben più controllato e maturo dell’artista, l’istintività si scambia di posto con l’intelletto, offrendo al pubblico un dialogo singolare tra prima e dopo, tra passato e presente.

Già in parte raccolti all’interno della pubblicazione Potente di fuoco – il libro edito da Modo Infoshop –, i disegni descrivono un mondo immaginifico e sognante, fatto di bestie (sur)reali che escono dalla fantasia (grazie al bambino) e incontrano i territori dell’allegoria e della protesta sociale (grazie all’intervento dell’adulto). Ad arricchire la lunga sequenza di tavole c’è anche una corposa serie di carte inedite di grande formato e in bianco e nero, create da Ericailcane durante i giorni del lockdown. E poi ancora installazioni nello spazio, video e skatebord dipinti ad arte completano l’esposizione, pronta a ricevere il pubblico fino al 7 luglio.

[Immagine in apertura: Ericailcane, Rockfeller, tecnica mista su carta, 40 x 60 cm, 2016. Courtesy l’artista]