Prima e dopo la pandemia: il nuovo progetto collettivo di Olafur Eliasson

29 maggio 2020

#WeUsedTo is created by online participants. Conceptualised by Studio Olafur Eliasson in Berlin along with the Interacting Minds Centre at Aarhus University and Alan Woo and Daniel Massey, it is part of the ongoing research collaboration ‘Experimenting, Experiencing, Reflecting’

Durante l’emergenza sanitaria tantissimi artisti e istituzioni internazionali si sono confrontati con il tema del virus, cercando di definire – attraverso i linguaggi della creatività – le emozioni contrastanti di un periodo tra i più drammatici della storia recente. Ora che la luce alla fine del tunnel si fa sempre più forte, lasciandoci intravedere il momento in cui tutto ciò sarà consegnato al passato, uno dei nomi più influenti dell’arte contemporanea torna con un nuovo progetto digitale: una piattaforma comunitaria per scambiarsi opinioni e sentimenti sul mondo prima e dopo la pandemia.

Succede con WeUsedTo, ultima trovata dell’artista Olafur Eliasson che, insieme al suo studio e a un team di partecipanti della Aarhus University, ha lanciato online la sua sfida: raccogliere – in maniera quanto mai semplice e immediata – i pareri delle persone di tutto il mondo, invitate a condividere come le settimane di quarantena abbiano inciso sul loro lavoro, sulla loro persona e, più in generale, sulla loro visione della società.

DA IERI A OGGI

Il modo in cui partecipare è assolutamente intuitivo. Dopo aver compiuto l’accesso alla pagina web di WeUsedTo, l’utente è invitato a sintetizzare in poche parole (massimo 250 caratteri) le abitudini del passato e come queste siano cambiate alla luce degli eventi recenti. Da una parte, dunque, la frase “I used to…”, dall’altra “Now I…”, entrambe da completare in base alla propria esperienza.

Le singole frasi possono essere inserite in maniera anonima o riportando il proprio nome e la provenienza. L’obiettivo è quello di offrire al pubblico della rete un grande puzzle di esperienze umane, di confessioni e sentimenti che sono sì privati, ma anche universali. Un modo per farci sentire meno soli in questo periodo così delicato e allo stesso tempo lasciare una traccia collettiva alla fine di questa incredibile esperienza.

[Immagine in apertura: #WeUsedTo is created by online participants. Conceptualised by Studio Olafur Eliasson in Berlin along with the Interacting Minds Centre at Aarhus University and Alan Woo and Daniel Massey, it is part of the ongoing research collaboration ‘Experimenting, Experiencing, Reflecting’]