Femminismo e public art sui muri di Bologna

18 giugno 2020

Sono illustratrici, grafiche, fotografe, perfomer, fumettiste e street artist le autrici dei 25 poster affissi in questi giorni nella centralissima Via Indipendenza, a Bologna. Le opere di public art presenti in città sono state realizzate nell'ambito del nuovo intervento ideato e curato da CHEAP, il progetto di public art con sede a Bologna fondato nel 2013 da sei donne, che in questo modo torna alla ribalta dopo il lockdown. "Questa pandemia ha funzionato in vari ambiti come un acceleratore che ci ha imposto un terribile reality check: all'interno di questa crisi, i divari di genere preesistenti si sono dilatati", affermano le componenti di CHEAP. Eterogenee per stile e linguaggio, le artiste scelte danno vita a un'operazione corale che affronta con forza e creatività alcune delle questioni cruciali della società contemporanea, tra cui il sessismo e il razzismo.