Il documentario sull’Ermitage di San Pietroburgo premiato ai Nastri d’Argento 2020

8 luglio 2020

Ermitage. Il potere dell'arte

L’edizione 2020 dei Nastri d’Argento, organizzata dal SNGCI Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, con il sostegno del MiBACT, si è rivelata carica di sorprese. Dopo l’annuncio dei vincitori dei lungometraggi, con il trionfo di Favolacce e Pinocchio, sono stati resi noti i titoli dei documentari che si sono distinti nelle diverse sezione del premio.

Nella categoria Miglior documentario d’Arte è stato Ermitage ‒ Il potere dell’arte a conquistare l’ambito riconoscimento, gettando nuova luce su una delle istituzioni culturali più note e visitate al mondo. Diretta da Michele Mally su soggetto di Didi Gnocchi, che firma anche la sceneggiatura con Giovanni Piscaglia, la pellicola illustra i tesori dell’Ermitage e di San Pietroburgo, affidando la narrazione alla viva voce di Toni Servillo. L’attore, recitando brani tratti da poesie e romanzi ed evocando le storie nate fra le strade della città, ripercorre le vicende legate alla fondazione da parte di Pietro I e lo splendore di Caterina la Grande, il trionfo di Alessandro I contro Napoleone e la Rivoluzione del 1917, concludendo poi il racconto nella contemporaneità.

ALLA SCOPERTA DELL’ERMITAGE DI SAN PIETROBURGO

Produzione originale 3D Produzioni e Nexo Digital, realizzata in collaborazione
con Villaggio Globale International e Sky Arte, il patrocinio di Ermitage Italia e il sostegno
di Intesa Sanpaolo, Ermitage ‒ Il potere dell’arte andrà in onda su Sky Arte giovedì 9 luglio alle ore 21:15. Il pubblico potrà quindi ammirare il Museo e il Palazzo d’Inverno, il Teatro, le Logge di Raffaello, la Galleria degli Eroi del 1812. E, ancora, “immergersi” nei laboratori di restauro e conservazione di Staraya Derevna e nella sezione di Arte Moderna e Contemporanea dell’Edificio dello Stato Maggiore, che custodisce le straordinarie collezioni Shchukin e Morozov, con la più grande raccolta di Matisse al mondo.