Le Notti dell’Archeologia in Toscana: 5 appuntamenti per l’ultimo weekend dell’evento

31 luglio 2020


L’emergenza sanitaria non interrompe la tradizione de Le Notti dell’Archeologia, l’iniziativa promossa da Regione Toscana che attraverso decine di appuntamenti diffusi sul territorio accende i riflettori sulla storia, sulle tradizioni e sull’arte del passato. A vent’anni dalla prima edizione, il progetto è stato rimodulato, adeguandosi doverosamente alle regole imposte dalla pandemia. Fino al 2 agosto sarà possibile prendere parte a visite guidate, rievocazioni, approfondimenti e a nuove forme di partecipazione ideate nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti. Dopo la chiusura imposta dal lockdown, musei, parchi e aree archeologiche, palazzi storici e piazze tornano così ad accogliere i visitatori con modalità originali, indirizzandosi a un pubblico di tutte le età. Di seguito una panoramica dell’evento, con cinque tra le iniziative che si svolgeranno nel corso dell’ultimo weekend de Le Notti dell’Archeologia.

IL COLORE DEGLI ETRUSCHI

Destinazione Museo Archeologioco di Artimino, nel comune di Carmignano (Prato) per l’iniziativa Il colore degli Etruschi. In calendario domenica 2 agosto, a partire dalle ore 18.00, il progetto affianca una presentazione delle tecniche pittoriche in uso presso gli Etruschi con una prova pratica, che permetterà di realizzare un pigmento dalle terre naturali. Un modo innovativo per conoscere da vicino una delle attività dell’antica civiltà, facendo luce sulle modalità di stesura del colore e sui materiali utilizzati per colorare.

A PITIGLIANO RISCOPRENDO NICCOLÒ III

Appuntamento venerdì 31 luglio, dalle 21.00 alle 24.00, nella suggestiva Pitigliano, dove le porte del Palazzo-Fortezza Orsini resteranno aperte per una serata speciale, nel segno del Conte Niccolò III Orsini. Tra i grandi condottieri del secolo XV, sarà ricordato con un focus sulla storia e sulle sue gesta, che saranno ripercorse anche in relazione con l’identità del territorio locale.

DOVE BATTAGLIAVANO ROMANI E LIGURI APUANI

Garantisce un’immersione nella natura e nella storia l’archeoescursione che domenica 2 agosto, dalle 9.30 alle 16.00, si svolgerà nei luoghi che hanno fatto da scenario alle antiche battaglie tra Romani e Liguri Apuani. Il percorso, lungo otto chilometri, include le visite al Monte Rondinaio e al Castellaccio di Lucese, sulle tracce in cui le due antiche popolazioni si scontrarono.

SCOPRENDO L’ANTICA SATURNIA DI NOTTE

Una notte lunga 2.000 anni è il titolo dell’iniziativa che sabato 1 agosto permetterà di identificare e conoscere le testimonianze archeologiche sparse nel centro storico dell’antica città di Saturnia. Per l’occasione sarà aperto, eccezionalmente in versione
notturna, anche il Museo Archeologico.

ARTIGIANI E UOMINI NELLA GROSSETO DEL ‘300

Come si viveva in una città del XIV secolo? Quali attività artigianali scandivano il ritmo della sua vita quotidiana? Quali i cibi preparati e gli abiti indossati? Queste e altre curiosità saranno svelate nel corso dell’appuntamento Artigiani e uomini nella Grosseto del ‘300. In programma a Grosseto in Piazza Baccarini (Museo Archeologico e d’Arte della
Maremma), l’evento si colloca a metà fra rievocazione storica e archeologia sperimentale e sarà animato dalla presenza di figuranti, rigorosamente in abiti trecenteschi, che mostreranno le antiche pratiche cittadine ispirandosi alle scene dipinte da Ambrogio Lorenzetti nel ciclo di affreschi Allegoria ed Effetti del Buono e del Cattivo Governo. Prenotazione obbligatoria.

[Immagine in apertura: Photo by Paolo Chiabrando on Unsplash]