Addio a Diego Armando Maradona, leggenda del pallone

25 Novembre 2020


Icona del calcio e dello sport internazionale, l’ex calciatore e allenatore di nazionalità argentina Diego Armando Maradona è scomparso oggi a causa di un arresto cardiorespiratorio; solo qualche settimana fa era stato sottoposto a un intervento chirurgico. La notizia della sua morte, avvenuta a pochi giorni dal sessantesimo compleanno, è stata diffusa dal giornale argentino El Clarin e ha immediatamente fatto il giro del mondo, suscitando un’onda di profondo cordoglio.

LA STORIA DI MARADONA

Originario della città argentina di Lanús, El Pibe de Oro, come era soprannominato, è unanimemente annoverato tra i calciatori più talentuosi di tutti i tempi. Nel corso della sua carriera, avviata in patria nelle giovanili della squadra Argentinos Juniors, ha conosciuto fortune alterne, contrassegnate anche da complesse vicende personali, passando dai team argentini del Boca Juniors e del Newell’s Old Boys, a quelli europei, come il Barcellona, il Napoli e il Siviglia. Indossa la maglia della nazionale argentina in occasione dei Mondiali del 1982, del 1986, del 1990 e del 1994, portando il suo Paese sul gradino più alto del podio nell’edizione del 1986, disputata in Messico.

IL SUCCESSO DI UN FUORICLASSE

Vincitore del Pallone d’oro alla carriera nel 1995, Maradona in più occasioni ha ricoperto il ruolo di allenatore, sia come CT dell’Argentina, sia negli Emirati Arabi Uniti, per la società sportiva Al-Wasl di Dubai e per il Fujarah, sia in Messico, con i Dorados. Figura dalla straordinaria carica attrattiva, Maradona ha travalicato i confini dell’universo calcistico, ispirando documentari, film, progetti editoriali, opere d’arte. Fra le più note, il monumentale ritratto che Jorit gli ha dedicato a Napoli, città che senza dubbio continuerà a conservarne viva la memoria.

Sky Arte e Sky Cinema renderanno omaggio a Diego Armando Maradona stasera, rispettivamente alle 22:10 e alle 22:55, con il documentario Maradona by Kusturica, un ritratto del calciatore ‒ dall’infanzia ai tempi recenti ‒ attraverso lo sguardo del celebre regista.

[Immagine in apertura: Photo by David Cannon/Allsport/Getty Images/Hulton Archive)]