Mario Cucinella e YACademy progettano insieme la nuova installazione di Arte Sella

27 Marzo 2021

Michelangelo Pistoletto, Terzo Paradiso - La trincea della pace. Photo Giacomo Bianchi - Copyright Arte Sella

Ancora un’installazione destinata ad Arte Sella, il parco artistico a cielo aperto nato nel 1986 in Borgo Valsugana (Trento) alla cui crescita, nell’arco di un trentennio, hanno contribuito artisti e architetti italiani e internazionali. L’idea di coniugare l’arte contemporanea con la natura ha portato allo sviluppo di percorsi espositivi di diversa lunghezza, immersi nel territorio trentino; ad arricchirli, anno dopo anno, sono stati i contribuiti site-specific di autori di indiscusso rilievo che si sono misurati con le peculiarità del luogo e con i principi ispiratori del progetto.

L’itinerario che attraversa l’area di Malga Costa, ad esempio, oltre a ospitare una sala da concerto, uno spazio per performance e luogo di incontri, è impreziosito dalle opere monumentali di Arte Sella. Si va dalla celeberrima Cattedrale Vegetale di Giuliano Mauri al Terzo Paradiso – La trincea della pace di Michelangelo Pistoletto (nell’immagine in apertura: Photo Giacomo Bianchi – Copyright Arte Sella), per arrivare all’acclamata Simbiosi, l’eterea opera realizzata nel 2019 da Edoardo Tresoldi. Nei prossimi mesi, ad accrescere il circuito di Arte Sella sarà A door on a better world, l’installazione che gli studenti di YACademy progetteranno sotto la tutorship dell’architetto Mario Cucinella.

MARIO CUCINELLA E YACADEMY AD ARTE SELLA

Da sempre Mario Cucinella Architects è una realtà attenta alle tematiche legate all’emergenza climatica e alla formazione di una nuova generazione di professionisti nel campo della sostenibilità, per le grandi sfide globali in campo economico, sociale e ambientale“, ha dichiarato Cucinella, che nel 2018 ha curato il Padiglione Italia alla 16. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia. Promossa su iniziativa di un’azienda privata, l’installazione A door on a better world verrà progettata nel mese di aprile da una selezione di giovani studenti della YACademy, l’accademia di architettura internazionale con sede a Bologna. A seguire e coordinare l’intero iter sarà lo stesso Cucinella.

L’installazione sarà quindi inaugurata entro l’estate. Nel complesso, l’iniziativa include anche la piantumazione di 1.000 alberi che contribuiranno a sanare le ferite inferte dalla fortissima perturbazione nota come Tempesta Vaia, a causa della quale, nel 2018, decine di migliaia di ettari di foreste alpine sono state distrutte nell’area nord-orientale dell’Italia. Più di recente, la medesima zona è stata danneggiata dagli attacchi del bostrico, insetto infestante dell’abete rosso. Non resta dunque che attendere le prossime settimane per conoscere le caratteristiche salienti del nuovo progetto A door on a better world.

DA TRESOLDI A BOERI: LE OPERE DI ARTE SELLA