Andrea Mastrovito – At the end of the line

GAMEC - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA - dal 11/03/2014 al 25/05/2014

GAMEC - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

Via San Tomaso 52 Bergamo Italia
+39 035399528

Info box

Generi: arte contemporanea, personale

Autori: Andrea Mastrovito

Curatori: Stefano Raimondi, Sara Fumagalli

At the end of the line presenta un corpus di lavori inediti realizzati da Andrea Mastrovito per lo Spazio Zero del museo: una sintesi di elementi espressivi della ricerca condotta dall’artista negli ultimi anni, in particolare la rilettura personale e intima di temi e questioni relative alla storia, al mito, alla società, alla relazione con lo spazio e con l’identità dei luoghi espositivi. Parte della serie espositiva che la GAMeC dedica da anni agli artisti emergenti più interessanti sulla scena internazionale, invitati a presentare un progetto site-specific commissionato per l’occasione, At the end of the line presenta un corpus di lavori inediti realizzati da Andrea Mastrovito per lo Spazio Zero del museo: una sintesi di elementi espressivi della ricerca condotta dall’artista negli ultimi anni, in particolare la rilettura personale e intima di temi e questioni relative alla storia, al mito, alla società, alla relazione con lo spazio e con l’identità dei luoghi espositivi.

Il progetto si sviluppa attraverso una serie di frottage posizionati sull’intero pavimento dello spazio espositivo, come un reperto archeologico che scorre sotto i piedi del visitatore.
La storia, non solo quella epica fatta di grandi eroi, ma quella silenziosa e quotidiana delle persone comuni, viene riportata alla luce e interpretata attraverso il ciclico scorrere del tempo della natura e della vita umana. Natura e uomo si uniscono fino a mimetizzarsi e fondersi infine in una grande installazione in cui alcune statue ispirate alla scultura classica vengono appiattite e letteralmente cancellate dal passaggio della matita, e inglobate in un grande disegno di paesaggio che tutto assorbe e tutto armonizza.

La linea che separa la vita dalla morte diventa così più sfumata, e l’incerto equilibrio tra le parti viene costantemente rinegoziato.

Il disegno rappresenta la tecnica di indagine privilegiata utilizzata per una rilettura personale e intima della storia dell’umanità, e la linea racchiude in sé un caleidoscopio di significati: linea evolutiva che attraversa diverse epoche, culture e società; linea del disegno che porta e riporta in superficie tracce, memorie e intimi epitaffi di questo percorso; linea di demarcazione tra un prima e un dopo, che è anche una linea dell’amore o di modi diversi di amare.

Una sottile linea rossa unisce il disegno all’animazione, alla musica, alla pittura, alla scultura e di nuovo al disegno: un cerchio che pure è una linea-mondo infantile, che nasce e finisce in se stessa, che si chiude senza mai esaurirsi. Perché in fondo alla fine della linea c’è un nuovo inizio.

Accompagna la mostra un catalogo monografico bilingue che includerà testi di Stefano Raimondi, Sara Fumagalli (curatori della mostra), Robert Enright (Curatore indipendente, Canada), Nova Benway (Assistente curatore, Drawing Centre, New York), Marie-Noëlle Farcy (Curatore e Responsabile della Collezione, Mudam, Lussemburgo), Lorenzo Giusti (Direttore Man, Nuoro).
Il catalogo presenterà le vedute dell’installazione della mostra alla GAMeC e un’ampia e accurata selezione di lavori precedenti, documentazione esaustiva del lavoro dell’artista.

La mostra è parte di una serie in onore di Arturo Toffetti.
Andrea Mastrovito (Bergamo, 1978) vive e lavora tra Bergamo e New York.
Il suo lavoro è caratterizzato dalla reinvenzione degli spazi espositivi e dall’utilizzo di tecniche quali il disegno e il ritaglio, ma anche di videoinstallazioni sincronizzate e performance. Negli ultimi anni ha esposto nei maggiori musei nazionali ed internazionali tra cui il MAXXI di Roma, il Museo del Novecento di Milano, il MART di Rovereto, il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, il BPS 22 di Charleroi, la Manchester Art Gallery, il MUDAC di Losanna e il MAD di New York.
Collabora da diversi anni con la Galerie Guy Bärtschi di Ginevra, la Foley Gallery di New York e la Galleria Giuseppe Pero di Milano e ha all’attivo diverse personali in Italia, Francia, Svizzera e Stati Uniti, nonché numerose collaborazioni esterne al mondo dell’arte (dalla moda alla musica, dal cinema al mondo del calcio). A Bergamo sta portando a termine, in collaborazione con Stefano Arienti, un progetto per la Nuova Chiesa intitolata a Giovanni XXIII.
Vive tra l’Italia e gli Stati Uniti, dove attualmente sta ultimando una residenza di sei mesi presso l’ISCP di Brooklyn, lavorando al contempo a un grande progetto pubblico nel quartiere di Bushwick.
Il suo lavoro è presente in molte delle maggiori collezioni private italiane nonché nelle collezioni di diversi musei quali il Museo del Novecento a Milano, il MUDAM di Lussemburgo, la Manchester Art Gallery e la GAMeC di Bergamo.

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close