Azimut/h. Continuità e nuovo

COLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM - dal 19/09/2014 al 19/01/2015

COLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM

Dorsoduro 701 Venezia Italia
+39 0412405411
info@guggenheim-venice.it

Info box

Generi: arte contemporanea, collettiva

Autori: Piero Manzoni, Lucio Fontana, Enrico Castellani, Gunther Uecker, Alberto Burri, Yves Klein, Jasper Johns, Robert Rauschenberg, Jean Tinguely , Heinz Mack, Otto Piene

Curatori: Luca Massimo Barbero

Con la mostra AZIMUT/H. Continuità e nuovo il museo dedica un prezioso tributo all’attualissimo contesto delle neoavanguardie, celebrando Azimut/h, la galleria e rivista fondate nel 1959 a Milano da Piero Manzoni (1933 – 1963) ed Enrico Castellani (1930). Non ci si stacca dalla terra correndo o saltando; occorrono le ali
Piero Manzoni

Con la mostra AZIMUT/H. Continuità e nuovo il museo dedica un prezioso tributo all’attualissimo contesto delle neoavanguardie, celebrando Azimut/h, la galleria e rivista fondate nel 1959 a Milano da Piero Manzoni (1933 – 1963) ed Enrico Castellani (1930). L’esposizione intende restituire al pubblico il ruolo fondante che Azimut/h ebbe nel panorama artistico italiano e internazionale di quegli anni: come una sorta di terremoto creativo, fu uno dei grandi catalizzatori della cultura visiva e concettuale italiana ed europea dell’epoca, e ponte ideale tra una nuova generazione rivoluzionaria, ironica e cruciale, e la più stretta contemporaneità.

Esperienza straordinaria, di fulminea durata e intensissima attività, racchiusa tra il settembre del 1959 e il luglio del 1960, Azimut/h è oggi riconosciuto nella coscienza critica collettiva come fenomeno sempre più decisivo, contraddistinto da una sperimentazione radicale, rafforzata dai suoi legami con alcuni dei più grandi protagonisti della scena artistica di quegli anni, e da un vivace e dinamico dialogo internazionale. Diversificate nel lettering, Azimut (la galleria) e Azimuth (la rivista) hanno dato vita e formalizzato un’autentica “nuova concezione artistica” che vive nella dialettica di “continuità e nuovo”. In mostra, oltre ai lavori dei maestri Manzoni e Castellani, trovano spazio le opere degli artisti che ruotarono intorno alla galassia di Azimut/h, da Lucio Fontana ad Alberto Burri, Jasper Johns, Robert Rauschenberg, Yves Klein, Jean Tinguely, Heinz Mack, Otto Piene e Günther Uecker, e altri.

Con AZIMUT/H. Continuità e nuovo Barbero prosegue la sua indagine approfondita sulla scena artistica del secondo dopoguerra, avviando le celebrazioni della neo-avanguardia europea che proseguiranno, dal 10 ottobre 2014, con la mostra ZERO: Countdown to Tomorrow, 1950s-60s, al Solomon R. Guggenheim Museum di New York, a cura di Valerie Hillings, Curator and Manager, Curatorial Affairs Abu Dhabi Project.

Ad accompagnare la mostra un’esaustiva pubblicazione edita da Marsilio Editori, in doppia edizione italiana e inglese. Con una serie di studi scientifici, riproduzione di materiali inediti, contenuti di riviste, il volume presenta la ricerca sviluppata per la mostra, e una serie di letture trasversali con saggi di Barbero, Francesca Pola, Flaminio Gualdoni, Federico Sardella e Antoon Melissen.