Burri | Gruyaert | Lucà

FONDAZIONE MERZ - dal 05/03/2013 al 05/05/2013

FONDAZIONE MERZ

Via Limone 24 Torino Italia
+39 01119719437
info@fondazionemerz.org

Info box

Generi: fotografia, arte contemporanea, collettiva

Autori: Nicus Lucà , René Burri , Harry Gruyaert

Le mostre si soffermano sulla vicinanza tra “artista” e “fotografo”; René Burri cattura l’essenza e la spontaneità dello scultore svizzero Jean Tinguely attraverso una serie di scatti realizzati tra il 1967 e il 1991, mentre Harry Gruyaert racconta la valle millenaria della regione del Tafilalt in Marocco, luogo dal quale l’artista torinese Nicus Lucà ricava le pietre fossili con cui realizza i libri-sculture in mostra.Dal 6 marzo al 5 maggio 2013 la Fondazione Merz presenta le mostre RENÉ BURRI. Jean Tinguely e HARRY GRUYAERT E NICUS LUCÀ. Dimenticare a memoria, realizzate in collaborazione con Magnum Photos.
Prosegue quindi la collaborazione tra la Fondazione Merz e l’agenzia fotografica Magnum Photos, iniziata nel 2012 con la mostra del grande fotografo Josef Koudelka, con l’intento di favorire una sempre maggiore integrazione tra due espressioni visive quali arte e fotografia, per arricchire la lettura di fenomeni artistici e linguaggi visivi.
Le mostre si soffermano proprio su questa vicinanza tra “artista” e “fotografo”; René Burri cattura l’essenza e la spontaneità dello scultore svizzero Jean Tinguely attraverso una serie di scatti realizzati tra il 1967 e il 1991, mentre Harry Gruyaert racconta la valle millenaria della regione del Tafilalt in Marocco, luogo dal quale l’artista Nicus Lucà ricava le pietre fossili con cui realizza i libri-sculture in mostra.
La mostra RENÉ BURRI – Jean Tinguely, allestita nell’ampia sala al piano terra, raccoglie 129 scatti in bianco e nero e a colori realizzate dal fotografo svizzero all’artista nell’arco di un ventennio.
Burri osserva l’amico al lavoro nel suo studio, durante la realizzazione della scultura monumentale “Le Cyclop” vicino a Parigi, durante l’allestimento dei suoi lavori all’Esposizione Internazionale di Montreal, a Basilea e a Venezia. La serie fotografica si spinge oltre i confini dell’immagine ufficiale per catturare, con la disponibilità e complicità del soggetto fotografico, l’essenza, la personalità e la creatività dell’artista.
Al piano interrato la mostra Dimenticare a Memoria presenta i lavori del fotografo belga Harry Gruyaert e dell’artista torinese Nicus Lucà. I 12 scatti a colori di Gruyaert realizzati in Marocco, nella regione del Tafilalt, trasportano l’osservatore in atmosfere inconsuete e misteriose; le foto di paesaggi naturali, di città adagiate sulle montagne, ma anche di esseri umani, somigliano a dipinti nei quali la luce e il colore entrano nello spazio per sottolineare i soggetti.
L’artista torinese Nicus Lucà realizza una biblioteca di 150 volumi tagliati in pietra fossile proveniente proprio dalla regione del Tafilalt, nel sud-est del Marocco, il più grande giacimento di fossili risalente al paleozoico del Nord Africa, e incisi con titoli di libri celebri. L’artista ruba agli scrittori la loro opera, si appropria delle loro parole che imprigiona per sempre in questa pietra millenaria che è una pittura di varietà infinita creata dal tempo e formata quando ancora la scrittura non esisteva. Ogni volume diventa una scultura che il visitatore può toccare, leggere e immaginare.

La mostra HARRY GRUYAERT E NICUS LUCÀ. Dimenticare a memoria è realizzata in collaborazione con Eva Menzio, con il contributo di Lunetta 11, Caterina Fossati, Riva Monaco Boat Service.