Cavalli e cavalieri – Marino Marini

MAN - MUSEO D'ARTE DELLA PROVINCIA DI NUORO - dal 14/12/2012 al 24/02/2013

MAN - MUSEO D'ARTE DELLA PROVINCIA DI NUORO

Via Sebastiano Satta 15 Nuoro Italia
+39 0784252110
nuoro.museoman@gmail.com

Info box

Generi: arte contemporanea, personale

Autori: Marino Marini

Curatori: Lorenzo Giusti , Alberto Salvadori

Il tema “Cavalli e cavalieri” è oggetto di due mostre parallele curate da Lorenzo Giusti, direttore del Museo MAN, e da Alberto Salvadori, direttore del Museo Marino Marini. Un tema profondamente sardo declinato, da un lato, dall’artista del nostro Novecento che più di ogni altro lo ha rappresentato, Marino Marini, e dall’altro attraverso lo sguardo di alcuni artisti contemporanei, autori di opere in video in cui la tematica del cavaliere è riletta in chiave attuale, secondo punti di vista e prospettive diverse e che, nell’insieme del progetto, costituiscono una sorta di testo critico per immagini.CAVALLI E CAVALIERI: MARINO MARINI

A cura di Lorenzo Giusti e Alberto Salvadori

14.12.2012
24.02.2013

Inaugurazione venerdì 14 dicembre 2012, ore 19

Il tema “Cavalli e cavalieri” è oggetto di due mostre parallele curate da Lorenzo Giusti, direttore del Museo MAN, e da Alberto Salvadori, direttore del Museo Marino Marini. Un tema profondamente sardo declinato, da un lato, dall’artista del nostro Novecento che più di ogni altro lo ha rappresentato, Marino Marini, e dall’altro attraverso lo sguardo di alcuni artisti contemporanei, autori di opere in video in cui la tematica del cavaliere è riletta in chiave attuale, secondo punti di vista e prospettive diverse e che, nell’insieme del progetto, costituiscono una sorta di testo critico per immagini.

MARINO MARINI

Prima retrospettiva dedicata al lavoro di Marino Marini in Sardegna, la mostra “Cavalli e cavalieri” nasce dalla constatazione di un diffuso ritorno di interesse per l’opera del- lo scultore toscano, maestro conclamato dell’arte italiana del Novecento.Dalla creazione delle prime figure archetipiche,di etrusca memoria, attraverso un processo di progressiva com- pressione delle masse, fino alla scomposizione geometrica delle figure, la mostra descrive una parabola formale di straordinaria intensità, in linea con le più aggiornate tendenze internazionali e allo stesso tempo profondamente originale.
Quindici le sculture di cavalli e cavalieri presenti, tra cui un originale busto di Gentiluomo a cavallo del 1937 che, nel quadro della produzione di Marini, costituisce uno dei primi momenti di riflessione sul tema. Dalla Fondazione Marino Marini di Pistoia provengono i bronzi Piccolo miracolo, del 1955, Piccolo cavaliere, del 1951, Cavallo, del 1945 e l’altorilievo Cavaliere, del 1943. La stessa provenienza hanno anche le due sculture in terracotta Piccolo cavallo, del 1943, e Cavaliere, del 1944. Al 1939 risale invece il Cavallo in bronzo conservato presso il Museo Marino Marini di Firenze, da cui provengono anche lo straordinario Cavaliere del 1947, uno Studio per miracolo del 1953-54, due Composizioni del 1956-57 e l’opera simbolo Due elementi, del 1971, in cui le figure hanno ormai raggiunto una sintesi radicale.
I disegni e le opere grafiche su carta – a china, inchio- stro o tempera (alcune delle quali su base litografica, come Cavaliere rosso e Cavaliere azzurro, entrambi del 1978) – illustrano in maniera esaustiva l’evoluzione dell’immagine del cavallo e del cavaliere – viste singolarmente o congiuntamen- te – nell’opera di Marini, coprendo un arco temporale che dai primi anni Quaranta giunge fino alla fine degli anni Settanta. Un crescendo di immagini che progredisce verso forme sempre più ricche di soluzioni inedite, di segni essenziali e abbreviazioni linguistiche che subiscono una progressiva sintetizzazione. Una serie di oltre cento lavori in cui il tratto non dà segni di stanchezza, arricchendosi progressivamente di colo- ri sempre più marcati ed espressivi.
La mostra di Marino Marini è accompagnata da un catalogo bilingue (italiano e inglese) edito da Silvana Editoriale contenente, oltre a un ricco apparato di immagini e un’antologia critica, alcuni nuovi saggi ad opera di Giuliana Altea, Mattia Patti e Francesco Guzzetti, dedicati agli esordi della ricerca sugli uomini a cavallo, alla figura dell’artista umanista negli anni della guerra fredda e all’uso del colore nella produzione plastica.