C’era una volta Sergio Leone

MUSEO DELL'ARA PACIS - dal 16/12/2019 al 03/05/2020

MUSEO DELL'ARA PACIS

Lungotevere in Augusta - 00186 Roma Italia
+39 060608
info.arapacis@comune.roma.it

Info box

Generi:documentaria

Autori: Pierre-Auguste Renoir, Paul Gauguin, Camille Pissarro, Paul Cézanne, Claude Monet, Paul Signac, Gustave Caillebotte, Berthe Morisot, Alfred Sisley, Frida Kahlo, Renè Magritte, Alberto Giacometti, Marc Chagall, Vassily Kandinsky, Olivo Barbieri, Oliviero Toscani, Banksy, Giuseppe De Nittis, Michelangelo Merisi da Caravaggio, Jacques-Louis David , Giovanni Boldini, Andrea Mantegna, Michelangelo Merisi da Caravaggio

Curatori: Sylvain Bellenger, Claire Durand-Ruel, Eleonora Acerbi , Claudio Paolinelli, Timothy Wilson, Harald Theil , Marco Goldin, Alberto Fiz, Gianluca Marziani, Stefano Antonelli, Acoris Andipa, Maria Luisa Pacelli , Barbara Guidi , Hélène Pinet, Fernando Mazzocca, Maria Luisa Pacelli , Barbara Guidi , Vincenzo Farinella , Sandrina Bandera, Howard Burns, Rita Iacopino , Nadia Bastogi

Un viaggio attraverso l’universo dell’artista per conoscere la lavorazione dei suoi film di culto ma anche l’uomo e la sua formazione. Sergio Leone ha reso leggendario il racconto filmico della storia di miti come il West o l’America. Dopo oltre mezzo secolo, lui stesso è diventato mito: si chiama infatti “C’era una volta Sergio Leone”, parafrasando i titoli dei suoi celebri film.

La grande mostra è ospitata all’Ara Pacis dopo il successo riscontrato alla Cinémathèque Française a Parigi.
Proposta dalla Cineteca di Bologna, prodotta e curata in collaborazione con la Cinémathèque Française e l’Istituto Luce Cinecittà, la mostra ha carattere multisensoriale: si configura come un viaggio attraverso l’universo dell’artista per conoscere la lavorazione dei suoi film di culto ma anche l’uomo e la sua formazione. Comprenderà anche una retrospettiva e la pubblicazione del volume ‘La rivoluzione Sergio Leone’, a cura di Christopher Frayling e di Gian Luca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna che lavora da anni sul cinema di Leone, con i restauri dei suoi film.