Da Rauschenberg a Koons

GALLERIA INTERNAZIONALE D'ARTE MODERNA DI CA' PESARO - dal 30/05/2014 al 04/01/2015

GALLERIA INTERNAZIONALE D'ARTE MODERNA DI CA' PESARO

Santa Croce 2076 Venezia Italia
+39 041721127
mkt.musei@comune.venezia.it

Info box

Generi: arte contemporanea, collettiva

Autori: Andy Warhol , Jeff Koons, Richard Serra, Gilberto Zorio, Mario Merz

Curatori: Gabriella Belli , Antonio Homem

Concessa in deposito a lungo termine alla Fondazione Musei Civici di Venezia, la collezione di Ileana Sonnabend rappresenta una ricchezza d’inestimabile valore culturale per la città. Dopo il grande successo della mostra che il MoMA di New York le ha dedicato questa primavera, lo straordinario “sguardo” di colei che è stata definita “l’ambasciatrice” dell’arte contemporanea, ovvero Ileana Sonnabend (1914 – 2007) – con Peggy Guggenheim forse la più grande talent scout della seconda metà del ‘900 – torna nuovamente protagonista in Italia, a Venezia.

Concessa nel 2013 in deposito a lungo termine alla Fondazione Musei Civici di Venezia, la Sonnabend Collection ha trovato nella Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro la sua “casa europea”.
Qui viene infatti esposta periodicamente, anche se una selezione delle opere più preziose è sempre presente nel percorso permanente al primo piano del museo, rappresentando una ricchezza d’inestimabile valore culturale per la città.

La raccolta comprende una settantina di lavori di artisti che Ileana scoprì e valorizzò in mostre memorabili nelle sue gallerie, dando spazio ai linguaggi della più avanzata sperimentazione: dal Neo Dada alla Pop Art, dalla Minimal Art all’Arte Povera, dal Concettuale al Neo Espressionismo, fino all’arte fotografica contemporanea.
Tra questi spiccano i nomi di grandi protagonisti del ‘900, come Robert Rauschenberg, Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Jim Dine, Tom Wesselmann, ma anche Robert Morris, Sol Lewitt, Anselm Kiefer e Jeff Koons.

Questo nuovo capitolo, troverà spazio dal 31 maggio 2014 al 4 gennaio 2015 al secondo piano di Ca’ Pesaro, ripartendo proprio dal punto in cui si è interrotta l’avventura collezionistica del museo e il suo rapporto con la Biennale.

La mostra, che si realizza a cura di Antonio Homem e Gabriella Belli e la sempre preziosissima collaborazione della Sonnabend Collection Foundation, con il progetto espositivo di Daniela Ferretti, presenta inoltre un nucleo di opere d’arte povera italiana, ben rappresentata nella collezione da artisti oggi assai famosi che, com’è noto, sperimentarono nella loro ricerca materiali “poveri” (naturali, organici, industriali), assunti nella loro espressività primaria e immediatezza sensoriale come si può vedere nelle straordinarie opere di Gilberto Zorio, Mario Merz, Giovanni Anselmo, Pier Paolo Calzolari e Jannis Kounellis.

>>>

Grazie alla sua passione e al magnifico sodalizio con il primo marito Leo Castelli e con il secondo, Michael Sonnabend, Ileana Schapira nata a Bucarest nel 1914, collezionista, gallerista, mentore di tanti artisti, ha sostenuto e fatto conoscere con spirito pionieristico l’arte americana in Europa e l’arte europea in America.

Le gallerie aperte con Leo Castelli a Parigi nel ’39 e a New York nel ’57, ove cominciò a esporre le opere di Jasper Johns e Robert Rauschenberg, e quelle avviate negli anni successivi con Michael Sonnabend nel ‘62 a Parigi e nel ‘70 a New York, s’imposero come punti di riferimento fondamentali per l’incontro e la conoscenza delle nuove istanze artistiche, divenendo ben presto veri e propri avamposti assoluti di modernità.

Viene dunque offerto al pubblico con questa mostra un ideale e straordinario completamento dell’itinerario nella storia dell’arte dell’intero ‘900 che, in linea con l’importante intervento di restyling attuato recentemente, il museo si propone di presentare.

In collaborazione con

The Sonnabend Collection Foundation