Francesco Borromini – I disegni della Biblioteca Apostolica Vaticana

MUSEI VATICANI - dal 12/12/2017 al 05/01/2018

MUSEI VATICANI

Viale Vaticano Roma Italia
+390669883041
musei@scv.va

Info box

Generi: architettura, disegno e grafica

Autori: Francesco Borromini

Curatori: Alessandra Rodolfo

Grazie ad un generoso prestito, la mostra è composta da un prezioso nucleo di disegni provenienti dalla Biblioteca Apostolica Vaticana che, nei suoi fondi, conserva importanti testimonianze grafiche e documentarie dell’artista.I Musei Vaticani sono lieti di annunciare che martedì 12 dicembre 2017, nella Sala XVII della Pinacoteca Vaticana, verrà inaugurata la mostra Francesco Borromini. I disegni della Biblioteca Apostolica Vaticana, a cura di Alessandra Rodolfo.
L’esposizione è inserita nell’ambito delle Celebrazioni per il 350° anniversario della morte di Francesco Borromini 1667-2017, promosse dai Musei Vaticani, l’Accademia Nazionale di San Luca e la Facoltà di Architettura della Sapienza Università di Roma, con la partecipazione dell’Istituto Svizzero di Roma e del MAXXI, con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
Tali Celebrazioni intendono ricordare la personalità del grande architetto seicentesco una nutrita serie di eventi (conferenza stampa, convegno internazionale, mostra, esecuzione della Missa Ecce Sacerdos Magnus di Orazio Benevolo nella Chiesa di S. Ivo alla Sapienza, visite, lezioni itineranti, letture, concorso fotografico, giornate di studio), che inizieranno nell’anno 2017 per continuare nei mesi del 2018.
Grazie ad un generoso prestito, la mostra è composta da un prezioso nucleo di disegni provenienti dalla Biblioteca Apostolica Vaticana che, nei suoi fondi, conserva importanti testimonianze grafiche e documentarie dell’artista.
La selezione, concentrata su alcuni esempi del corpus grafico borrominiano, focalizza l’attenzione in particolare sull’attività dell’artista durante il pontificato di Innocenzo X Pamphilj (1644-1655).
Le opere provengono dai manoscritti Vaticano Latino 11257 e 11258 contenenti le carte dell’oratoriano Virgilio Spada, amico e convinto sostenitore del Borromini, legato all’artista da sentimenti di profonda e disinteressata stima e amicizia, dal manoscritto Chigiano P.VII.9 messo insieme personalmente e fatto legare per la sua biblioteca dallo stesso pontefice Alessandro VII Chigi (1655-1667) mentre era ancora vivente l’artista e dal manoscritto Chigiano M.IV.
Accanto al progetto per la fontana dei Fiumi di Piazza Navona, sono presenti testimonianze dell’iter progettuale elaborato dall’architetto per il rimodellamento e la sistemazione organica, nello stesso luogo, di Palazzo Pamphilj, dimora di famiglia di Papa Innocenzo X.
Alcuni disegni per la Basilica di S. Giovanni in Laterano attestano l’impegno dell’artista per il restauro dell’edificio religioso commissionatogli ancora da Papa Innocenzo X Pamphilj in vista dell’Anno Santo del 1650.
Allo stesso Anno Santo, si ricollega il grandioso progetto di ristrutturazione della Basilica di San Paolo fuori le Mura compreso nel programma di Innocenzo X di abbellimento delle basiliche patriarcali in previsione del Giubileo (Collezione Portoghesi).
L’esposizione si chiude con alcuni disegni di vario soggetto, confermando la versatilità e vitalità artistica del grande architetto ticinese, protagonista indiscusso del Seicento romano.

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close