Irving Penn – Resonance

PALAZZO GRASSI - FRANCOIS PINAULT FOUNDATION - dal 11/04/2014 al 21/12/2014

PALAZZO GRASSI - FRANCOIS PINAULT FOUNDATION

Salizzada San Samuele 3231 Venezia Italia
+39 0415231680

Info box

Generi: fotografia, personale

Autori: Irving Penn

Curatori: Pierre Apraxine, Matthieu Humery

Irving Penn Poppy: Showgirl, London, 1968 Copyright © by Condé Nast Publications, Inc. La mostra ripercorre i grandi temi cari a Irving Penn che, al di là della diversità dei soggetti, hanno in comune la capacità di cogliere l’effimero in tutte le sue sfaccettature. Ne è un esempio la selezione di fotografie della serie dei “piccoli mestieri”, realizzata in Francia, negli Stati Uniti e in Inghilterra negli anni ‘50.A partire dal 13 aprile 2014, Palazzo Grassi presenta “Irving Penn, Resonance”, la prima grande esposizione dedicata al fotografo americano Irving Penn (1917 – 2009) in Italia.
L’esposizione “Irving Penn, Resonance”, curata da Pierre Apraxine e Matthieu Humery, presenta 130 fotografie, dalla fine degli anni Quaranta sino alla metà degli anni Ottanta, al secondo piano di Palazzo Grassi e resterà aperta al pubblico sino al 21 dicembre 2014.

E’ la prima volta che l’insieme Palazzo Grassi – Punta della Dogana- François Pinault Foundation presenta una mostra di fotografie dalla collezione, mostrando così un preciso impegno anche nei confronti di questo medium così importante nell’ambito della creazione artistica.

L’esposizione riunisce 90 stampe al platino, 30 stampe in argento, 4 stampe dye-transfer dai colori vivaci 4 e 17 internegativi mai esposti prima d’ora.

La mostra ripercorre i grandi temi cari a Irving Penn che, al di là della diversità apparente dei loro soggetti, hanno tutti in comune la capacità di cogliere l’effimero in tutte le sue sfaccettature.
Così è, per esempio, con la selezione di fotografie della serie dei “piccoli mestieri”, condotta in Francia, negli Stati Uniti e in Inghilterra negli anni Cinquanta. Convinto che quelle attività fossero destinate a scomparire, Irving Penn ha immortalato nel suo studio venditori di giornali, ambulanti, straccivendoli, spazzacamini e molti altri ancora, tutti in abiti da lavoro.

Allo stesso modo, i ritratti dei grandi protagonisti del mondo della pittura, del cinema e della letteratura realizzati dal 1950 al 1970 – tra cui Pablo Picasso, Truman Capote, Marcel Duchamp, Marlene Dietrich – che accanto a fotografie etnografiche degli abitanti della Repubblica di Dahomey (anni ’60), degli aborigeni della Nuova Guinea e degli uomini del Marocco (anni ’60 e ’70) sottolineano con forza la brevità dell’esistenza vissuta dagli esseri umani, siano essi ricchi o indigenti, celebri o sconosciuti.

All’interno di questo percorso, che promuove il dialogo e le connessioni tra le opere di diversi periodi e differenti soggetti, la natura morta svolge un ruolo di primissimo piano: in mostra sono raccolte fotografie realizzate dalla fine degli anni ’70 all’inizio degli anni ’80, che presentano composizioni di mozziconi di sigarette, ceste di frutta, Vanità – assemblaggi di crani, ossa e altri oggetti – così come teschi di animali fotografati al Museo di Storia Naturale a Praga nel 1986 per la serie « Cranium Architettura ».

Questo ampio panorama, in cui immagini molto poco conosciute si affiancano a pezzi più iconici del suo lavoro, offre una chiara testimonianza della particolare capacità di sintesi che così fortemente caratterizza il lavoro di Irving Penn: nella sua visione, la modernità non si oppone necessariamente al passato, e il controllo assoluto di ogni fase della fotografia, dallo studio alla stampa (alla quale dedica una importanza e un’attenzione senza pari) permette di andare molto vicino alla verità delle cose e degli esseri viventi, in un continuo interrogarsi sul significato del tempo e su quello della vita e della sua fragilità.

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close