L’Audace Bonelli – L’Avventura del Fumetto Italiano

PALAZZO INCONTRO - dal 19/04/2013 al 09/06/2013

PALAZZO INCONTRO

Via Dei Prefetti 22 Roma Italia
ufficiostampa@provincia.roma.it

Info box

Generi: disegno e grafica, fumetti

In mostra oltre 200 tavole originali, con particolare attenzione alle copertine a colori, in una collettiva che espone opere di più di 50 disegnatori. Tutte le tavole, divise in grandi sezioni tematiche, che vanno cronologicamente dai primordi fino ad oggi, passando attraverso tutti i grandi personaggi, le firme prestigiose, italiane ed estere.Dopo l’enorme successo ottenuto a Napoli, Salerno, Lucca, Brindisi e Trieste, Napoli COMICON in collaborazione con Civita e Sergio Bonelli Editore ripropone a Roma l’Audace Bonelli, con una veste completamente rinnovata e arricchita che offre un quadro completo e aggiornato sulla produzione storica e attuale della casa editrice di fumetti per eccellenza. L’esposizione infatti, ospita al suo interno, oltre agli ultimi personaggi sfornati dalla Sergio Bonelli Editore, anche una retrospettiva completa su Alfredo Castelli, sceneggiatore di punta e inventore dello storico personaggio di Martin Mystère oltre a una anteprima sulle nuove serie in uscita per l’editore milanese.

La mostra, allestita nelle sale di Palazzo Incontro a Roma dal 20 aprile al 9 giugno 2013, è promossa dalla Provincia di Roma nell’ambito del Progetto ABC Arte Bellezza Cultura e organizzata da Napoli COMICON e Civita.

Sono anni di ferventi celebrazioni per il mondo del Fumetto, nel mondo ed in Italia. Ed il fumetto italiano ha spesso un cognome ricorrente, Bonelli: Gianluigi, in primis, di cui si è appena celebrato il centesimo anniversario della nascita e di cui si sono celebrati, nel 2011, i 70 anni dall’acquisto delle edizioni Audace, che si trasformeranno nella attuale casa editrice più importante d’Italia, sotto la guida, nel dopoguerra, della moglie Tea. Ma questa mostra è dedicata soprattutto al figlio Sergio, che purtroppo è venuto a mancare l’anno scorso, lasciando un enorme vuoto in tutti i suoi lettori e il cui nome significa e significherà sempre garanzia di pubblicazioni popolari.
Negli anni, Napoli COMICON non ha quasi mai mancato di collaborare con la storica casa milanese, per mostre, ospiti ed eventi; era giunto, però, il momento di omaggiare la Sergio Bonelli Editore con una grande mostra “totale” che facesse anche il punto su questo fenomeno editoriale del mondo della Nona Arte che ha quasi dell’incredibile. È un progetto necessario e affascinante che permette di mostrare insieme alcuni dei personaggi e delle saghe più note tra gli appassionati (e non solo) della Letteratura Disegnata, e che hanno attraversato indenni decenni di storia italiana, mantenendo inalterata la qualità, oltre che la professionale serialità. Troppi sarebbero da citare, in tanti anni; Tex, su tutti, naturalmente, ma Dylan Dog, Martin Mystère, Magico Vento, Julia, Dampyr, Nathan Never, oltre che i primi eroi come il Comandante Mark, Piccolo Ranger, Zagor, fino agli ultimissimi Saguaro, Dragonero e Gli Orfani.
E’ fondamentale rimarcare la peculiarità tutta italiana dell’ormai paradigmatico albo popolare Bonelliano, un caso che non ha raffronti al mondo e che vede serie regolarmente mensili, a tempo “indeterminato”, affidate a non moltissime penne come sceneggiatura, ed enorme fucina di talenti e di affermate matite, nella maggior parte italiani. Una vera industria del fumetto, che ha però anche il paradosso di essere gestita in maniera “familiare”, mantenendo un’umanità ed un’umiltà che si ritrova ad esempio, nello scarsamente esacerbato commerciale del proprio prodotto, per volontà di Sergio Bonelli in
e dei suoi (relativamente al numero) pochi e fidati collaboratori.
In mostra oltre 200 tavole originali, con particolare attenzione alle copertine a colori, in una collettiva che espone opere di più di 50 disegnatori. Tutte le tavole, divise in grandi sezioni tematiche, che vanno cronologicamente dai primordi fino ad oggi, passando attraverso tutti i grandi personaggi, le firme prestigiose, italiane ed estere.

Molto curato l’apparato didascalico della mostra, sia nel ripercorrere la parte storica, che per la descrizione bio-bibliografica. Larga parte è poi ad appannaggio degli albi e delle pubblicazioni, italiane e straniere, grazie ad un intenso lavoro di ricerca tra storici e collezionisti. Il tutto incastonato in una ricercata cornice scenografica, che colpirà lo spettatore anche con apparati
multimediali e contenuti interattivi, con l’ausilio di computer e filmati.

Durante il periodo di apertura, il pubblico potrà incontrare alcuni degli autori in mostra grazie a incontri, dibattiti, proiezioni e sedute di autografi, che saranno programmate in un calendario di eventi che terranno vivo l’interesse per l’esposizione.

A corredo dell’evento espositivo è stato infine realizzato un importante catalogo che raccoglie in un volume di più di 240 pagine contributi critici inediti e tantissime immagini anche molto rare. Edito da COMICON Edizioni, ha ricevuto un apprezzamento unanime dagli appassionati e non, e a riprova della sua qualità editoriale, la sua terza ristampa è stata distribuita ai primi di novembre in edicola, in allegato con La Repubblica e L’Espresso.