Parole Parole Parole

MUSEO PECCI MILANO - dal 28/11/2013 al 04/01/2014

MUSEO PECCI MILANO

Ripa Di Porta Ticinese 113 Milano Italia

Info box

Generi: arte contemporanea, collettiva

Autori: Alighiero Boetti, Lawrence Weiner, Mimmo Rotella, David Tremlett, Peter Fischli & David Weiss , Julian Schnabel, Massimo Uberti , Silvia Hell, Shirin Neshat, Emilio Isgrò, Ben Vautier, Paolo Canevari, Gianni Pettena, Allan Kaprow, Chiara Dynys, Vito Acconci, Dan Graham, Armen Eloyan, Gianni Melotti

Curatori: Stefano Pezzato

L’esposizione propone un’ampia ricognizione sull’uso molteplice e sperimentale delle parole da parte degli artisti contemporanei. Oltre quaranta lavori di autori italiani e internazionali coprono l’arco temporale dal 1959 a oggi, decenni dominati dall’impiego di mezzi e tecniche di comunicazione avanzati, pervasivi e persuasivi sull’immaginario collettivo, compreso quello espressivo e arti¬stico. ARTISTI:
Vito Acconci, Vincenzo Agnetti, Carl Andre, John Baldessari, Robert Barry, Alighiero Boetti, Paolo Canevari, Guglielmo Achille Cavellini, Giuseppe Chiari, Chiara Dynys, Armen Eloyan, Peter Fischli & David Weiss, Zvi Goldstein, Dan Graham, Silvia Hell, Emilio Isgrò, Allan Kaprow, Jannis Kounellis, Joseph Kosuth, Barbara Kruger, Gianni Melotti, Maurizio Nannucci, Shirin Neshat, Guido Peruz, Gianni Pettena, Richard Prince, Mimmo Rotella, Ed Ruscha, Salvo, Julian Schnabel, Terry Smith, Christian Tobas, David Tremlett, Massimo Uberti, Ben Vautier, Lawrence Wiener.

GRAZIE A:
Archivio Galleria Schema, Carmignano (Prato); Collezione Beccaglia, Prato; Collezione Palli, Prato; Collezione Palmigiano, Milano; Collezione Peruz, Milano; Fondazione Cassa di Risparmio di Prato; Galleria Alfonso Artiaco, Napoli; Galleria Fumagalli, Milano; Le Case d’Arte, Milano; Spazioborgogno, Milano.

L’esposizione propone un’ampia ricognizione sull’uso molteplice e sperimentale delle parole da parte degli artisti contemporanei. Oltre quaranta lavori di autori italiani e internazionali coprono l’arco temporale dal 1959 a oggi, decenni dominati dall’impiego di mezzi e tecniche di comunicazione avanzati, pervasivi e persuasivi sull’immaginario collettivo, compreso quello espressivo e arti¬stico. In un periodo storico in cui l’arte si rivolge alla comunicazione per promuovere e diffondere se stessa, gli strumenti stessi del comunicare diventano modalità e oggetto della ricerca artistica: gli artisti dichiarano, declamano, definiscono, descrivono, riflettono, recitano, invocano, insomma dicono che “l’arte sarà di tutti e la parola arte non sarà di nessuno” (Giuseppe Chiari). Le opere sele-zionate intrecciano e contaminano il linguaggio visivo, testuale e orale, provocano e influenzano il pubblico, lo trasformano in lettore, auditore, interlocutore. Immagini, testi e parole danno voce diretta all’arte nell’epoca della comunicazione

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close