Visual Poetry

PALAZZO DELLE PRIGIONI - dal 25/01/2014 al 07/02/2014

PALAZZO DELLE PRIGIONI

Castello 4209 Venezia Italia
+39 0415264546

Info box

Generi: arte contemporanea, collettiva

Una straordinaria selezione di oltre 1000 opere eseguite da 150 artisti, italiani ed internazionali, di cui 100 aderenti ad un movimento fra i più originali della seconda metà del Novecento, la “Visual Poetry”, grande fiume ove convergono Poesia Visiva, Poesia Concreta e Scrittura Visuale/Nuova Scrittura, e da ulteriori 50 artisti appartenenti a movimenti affini alla “Visual Poetry” stessa, quali Fluxus, Mail Art e Narrative Art.Una straordinaria selezione di oltre 1000 opere eseguite da 150 artisti, italiani ed internazionali, di cui 100 aderenti ad un movimento fra i più originali della seconda metà del Novecento, la “Visual Poetry”, grande fiume ove convergono Poesia Visiva, Poesia Concreta e Scrittura Visuale/Nuova Scrittura, e da ulteriori 50 artisti appartenenti a movimenti affini alla “Visual Poetry” stessa, quali Fluxus, Mail Art e Narrative Art; il tutto sconfinando in interlacciamenti verbovisivi con movimenti antesignani quali il Futurismo, il Dadaismo e il Lettrismo o coevi e successivi quali il Concettuale, l’Arte Povera, la Pop Art, il Nouveau Realisme e i Nuovi Media.

Una straordinaria serie di “location” ospiterà questa esegesi creativa, articolata su due città e quattro spazi espositivi istituzionali: dal Palazzo delle Prigioni al Museo Storico Navale della Marina Militare di Venezia (inaugurazione 25 gennaio ore 11:00), dal Castello Visconteo al Palazzo Broletto di Pavia (inaugurazione 14 febbraio ore 17:30. Orari sotto riportati, per le varie sedi).

L’evento espositivo sarà corredato da un importante catalogo edito da Skira a cura di Giosuè Allegrini e Lara Vinca Masini, unitamente a 25 testi critici di autorevoli autori italiani ed internazionali (600 pagine circa, bilingue, 1100 immagini di opere, 150 biografie di artisti, 100 pagine di testimonianze e saggi critici).
Un’importante opportunità di approfondimento storico culturale di uno dei quattro movimenti artistici più rilevanti nati in Italia nel Novecento insieme a Futurismo, Arte Povera e Transavanguardia, certamente secondo al solo Futurismo per diffusione planetaria.
Curata dallo storico e critico d’arte Giosuè Allegrini e organizzata dal Centro Giorgio La Pira Onlus e da La Bezuga, la vetrina espositiva veneziano-pavese intende rendere omaggio alla Visual Poetry in occasione del Cinquantennale fondativo del fiorentino “Gruppo ’70”, fra i primi e più efficaci promulgatori di questo genere d’arte. Nel 1963 nasce, infatti, a Firenze il gruppo di Lamberto Pignotti ed Eugenio Miccini che nel 1964 andrà a coniare, per la prima volta, il termine “Poesia Visiva” e che costituisce una delle principali estensioni della Visual Poetry stessa.
La Visual Poetry rappresenta, dunque, l’alfiere di un processo artistico-culturale che, partendo dall’Italia (non dimentichiamo che trae proprie origini dal Futurismo), si è successivamente diffuso nell’intero globo, dall’Europa agli Stati Uniti, dall’America Latina al Giappone.
Bastano poche righe per attestare la reale portata di questa straordinaria impresa attraverso il riferimento ad alcune delle collezioni presenti: MART di Trento e Rovereto con testimonianze dei fondi Carrega-Fraccaro-Della Grazia e Stelio Maria Martini, Museo della Carale di Ivrea, Fattoria di Celle Pistoia, Fondazione Berardelli, Archivio E.O.N. di Viareggio, Collezione Battaglia, Collezione Frittelli, Collezione Garau, Collezione Guarneri, Collezione La Bezuga–Vichi, Collezione Masnata, Collezione Montini, Collezione Menguzzato-Bosco dei Poeti, Collezione Oberto, Collezione Palli, Collezione Parise, Collezione Pignotti, Collezione della Pusterla, Collezione Sarenco, Collezione Valmore Zordan.
Molti sono i gruppi artistici italiani rappresentati: dal Gruppo Genovese di Oberto, Tola e Vitone, al Gruppo Napoletano di Diacono e Martini, dal Gruppo 70 di Miccini, Pignotti e Marcucci, al Gruppo 63 di Balestrini, per giungere al gruppo Milanese del Mercato del Sale di Carrega e Accame. Molti sono i poeti visivi internazionali presenti: da Arias Misson a Blaine, da Bory a De Vree, da Kolar a Novak, da Clavin a Garnier, da Brossa a Padin, da Pignatari a De Campos, da Takahashi a Motojuki, da Furnival a Williams, da Bandi Zhao a Desheng Ma, solo per citarne alcuni, per giungere quindi ad artisti contemporanei internazionali quali Maurizio Cattelan e Jannis Kounellis.

Molteplici anche le modalità espressive: dai collage alle installazioni verbo visive, dai Libri d’artista ai Libri oggetto ad una selezione di rare ceramiche di Poesia Visiva, di grafiche; strumenti atti a stimolare la comprensione dell’Arte Moderna e Contemporanea fornendo così, di riflesso, un contributo alla futura società della conoscenza attraverso un capitale storico, culturale e sociale condiviso da tutti, in quanto la cultura è patrimonio di tutti e da tutti deve essere amata e rispettata.

L’iniziativa ha una duplice valenza: quella di approfondimento artistico-culturale e quella di concreta velleità solidale attraverso il sostegno ai più bisognosi, a testimonianza del fatto che la divulgazione dell’arte non soltanto alimenta la sete di conoscenza di tutti, e soprattutto delle giovani generazioni, ma consente altresì di innescare processi di positiva interazione sociale.

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close