William Kentridge – Sketches for a Neapolitan Mosaic

GALLERIA LIA RUMMA - dal 15/12/2012 al 15/01/2013

GALLERIA LIA RUMMA

Via Vannella Gaetani 12 Napoli Italia
+39 08119812354
info@gallerialiarumma.it

Info box

Generi: arte contemporanea, personale, disegno e grafica

Autori: William Kentridge

In occasione dell’inaugurazione della scultura dell’artista William Kentridge, Cavallo e cavaliere per la metropolitana di Napoli -eroe equestre ispirato all’epopea donchischiottesca de Il Naso di Gogol- posta al centro della nuova area pedonale della stazione della metropolitana di via Toledo e a completamento dello stupefacente mosaico che narra della storia e della vita di Napoli, la Galleria Lia Rumma presenta bozzetti, studi, disegni e sculture a testimonianza del grande interesse dell’artista per la città partenopea.In occasione dell’inaugurazione della scultura dell’artista William Kentridge, Cavallo e cavaliere per la metropolitana di Napoli -eroe equestre ispirato all’epopea donchischiottesca de Il Naso di Gogol- posta al centro della nuova area pedonale della stazione della metropolitana di via Toledo e a completamento dello stupefacente mosaico che narra della storia e della vita di Napoli, la Galleria Lia Rumma presenta bozzetti, studi, disegni e sculture a testimonianza del grande interesse dell’artista per la città partenopea.
Già nel 2010 con la mostra al Museo di Capodimonte Strade della Città, William Kentridge aveva presentato una serie di arazzi che, sullo sfondo di mappe storiche del Regno di Napoli, narravano di cavalli e cavalieri, dannati della terra sempre in lotta tra loro e alla ricerca di una Terra Promessa.

Dal giorno 14 dicembre 2012, a memoria di una mostra così straordinaria e irripetibile, sarà possibile ammirare l’arazzo Partie du Royaume de Naples contenant la Basilicate et la Calabre (Partie du Royaume de Naples contenant la Basilicate et la Calabre) della serie Strade della Città, esposto in permanenza in una delle prestigiose sale del Museo di Capodimonte per gentile concessione di William Kentridge e Lia Rumma.

Completano la mostra mosaici ispirati alla tradizione musiva pompeiana e arazzi sul cui sfondo emergono scene di vita della strada e di vita pubblica a testimonianza di grandi progetti di opere infrastrutturali realizzati come la Bonifica dei Quartieri Bassi di Napoli o la Ferrovia Metropolitana (1881-84), pensata da Lamont Young e mai realizzata. Insomma, un ritratto della città e della sua storia, delle sue straordinarie potenzialità e delle sue utopie.

EVENTO CORRELATO sabato 15 dicembre 2012

ore 19.00 Piazza Toledo, Napoli: inaugurazione della scultura pubblica di William Kentridge Cavallo e cavaliere per la metropolitana di Napoli – Info e contatti: ufficio stampa Metropolitana di Napoli spa: Giovanna Torcia g.torcia@mnspa.it

——

A sculpture by the artist William Kentridge, Horse and Rider for the Naples metro – the equestrian hero inspired by Gogol’s quixotic story The Nose – will be inaugurated at the centre of the new pedestrian area of via Toledo metro station and completes the astonishing mosaic recounting the history and life of Naples. To mark the occasion, the Lia Rumma Gallery will present sketches, studies, drawings and sculptures that reflect the artist’s fascination with the city. An exhibition of Kentridge’s work entitled Strade della Città (City Streets) was held at the Museum of Capodimonte in 2010. The exhibition presented a series of tapestries which told stories of horses and knights condemned to fight each other in search of a Promised Land, using historic maps of the Kingdom of Naples as the background.

To commemorate this extraordinary and unique exhibition, from 14 December 2012 it will be possible to admire the tapestry Partie du Royaume de Naples contenant la Basilicate et la Calabre (Parts of the Kingdom of Naples containing Basilicata and Calabria) taken from the series Strade della Città (City Streets), on permanent display in one of the most impressive rooms of the Museum of Capodimonte by kind permission of William Kentridge and Lia Rumma.

The exhibition is completed with mosaics inspired by the tradition of Pompeian art and tapestries whose backgrounds portray scenes of street life and public life; these reflect the great infrastructural public works carried out in Naples such as the redevelopment project of the city’s low-lying districts or Lamont Young’s design for the Metro (1881-84) which was never built. The exhibition offers a portrait of the city and its history, its extraordinary potential and its utopias.