A spasso per biografie d’autore

26 Febbraio 2013


Storie di vita vissuta e storie di vita immaginata. Biografie reali benché un po’ romanzate; e altre invece completamente inventate, ma assolutamente credibili: per finire, nel trionfo della pura finzione, alla storia di chi fa del racconto delle vicende altrui la propria …ragione di vita. Personaggi eccezionali nella loro normalità e banalmente straordinari, figure che affascinano e coinvolgono: lasciando un segno indelebile nel mondo della letteratura.

Nuovi appuntamenti con Boo(k)sta, la serie con cui il musicista e scrittore Davide Dileo interpreta attraverso inedite colonne sonore alcuni tra i libri più importanti di sempre. Partendo, questa settimana, dall’Educazione di una canaglia: così Clive Bunker titola la sua autobiografia, che muove da una infanzia drammatica e una gioventù passata dietro le sbarre del terribile carcere di San Quintino.  

Una vera e propria saga famigliare, primo tassello di una fortunatissima carriera nel mondo della letteratura. Risale al 1982 il fortunato esordio di Isabel Allende: La casa degli spiriti racconta il drammatico triangolo amoroso tra Esteban Trueba e le sorelle Clara e Rosa del Valle, sullo sfondo delle complesse dinamiche socio-politiche che hanno animato il Cile nel corso dell’intero Novecento.

Follie di Brooklyn è uno dei romanzi più recenti di Paul Auster, intensa vicenda che racconta come Nathan Glass, personaggio fittizio che si rivela autentico alter ego del suo autore, supera una profonda crisi esistenziale grazie alla scrittura. Osservando con distacco se stesso e chi lo circonda, diventando cronista e biografo di storie minime: vite altrimenti destinate ad essere dimenticate, finiscono ad essere nobilitate e consegnate all’eternità.