Al MAXXI l’arte si ascolta

5 dicembre 2014


In molti, perdendosi tra le sue sale o anche solo presentandosi al cospetto delle sue linee ardite, lo considerano esso stesso un’opera d’arte. E non a torto. Vince il rigore e le necessità della propria funzione il MAXXI, spettacolare museo d’arte contemporanea di Roma disegnato da chi come Zaha Hadid frequenta non solo l’architettura, ma anche il design e l’arte visuale. Una sensibilità, la sua, che emerge in modo quanto mai articolato grazie a un nuovo progetto sponsorizzato da ENEL.

A parlare non sono opere tradizionali, allora. Ma il MAXXI stesso. Che affida la propria voce a dieci installazioni sonore firmate da alcuni tra i più importanti interpreti di questo particolare linguaggio dell’arte: la struttura si riscopre così dinamica, attiva, pulsante, vibrante; in un dialogo finalmente non solo evocato, ma reale, con la città. Da qui il titolo della mostra, curata dal direttore artistico dell’istituzione romana, Hou Hanru: Open Museum Open City .

Le telecamere di Sky Arte HD entrano al MAXXI per catturare le sensazioni e le emozioni che gli artisti hanno colto nelle loro affascinanti immersioni urbane, restituendo il fascino eterno di Roma secondo nuove imprevedibili direttrici. Con Justin Bennet e Haroon Mizra alle prese con un’azione di autentico field recording , che li vede registrare i rumori della città e manipolarli, assemblarli in una sorta di sinfonia metropolitana; con Jean-Baptiste Ganne a giocare sulle distrofie della comunicazione, usando il – per noi – incomprensibile alfabeto Morse come output luminoso.

Il matrimonio tra suono e immagine vive in modo particolarmente fortunato nella correlazione tra musica e luce. Come ci insegna la magnifica installazione che Philippe Rahm dedica al grande compositore francese: spezzando un suo brano nota per nota, associando ad ogni frammento a un flash di durata e colore diverso. Tendendo allora all’opera d’arte totale, che coinvolge a livello sensuale, creando sublimi magie.

La curiosità – Difficile dire quale sia stata la prima installazione sonora della storia dell’arte, certo è il ruolo pioneristico che in questo campo ebbe il Futurismo. Risale al 1913 l’Intonarumori  di Luigi Russolo, macchina che provava a riprodurre attraverso un curioso assemblaggio di strumenti musicali i suoni propri del traffico urbano.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close