Anarchia e velocità. Le regole del punk

24 Settembre 2014


Contro tutto e tutti: contro l’ordine costituito, contro le gabbie del conformismo, contro le norme dei benpensanti, contro gli schemi precostituiti, contro i divieti. Anarchia e nichilismo, violenza verbale e sonora, sfogo impetuoso di una rabbia giovane: il punk ha saputo essere collettore di energie, etichetta in grado di raccogliere urgenze e istanze creative tra le più dirompenti del Novecento. Come dimostra la Punk Night  in onda su Sky Arte HD.

Brutti, sporchi e cattivi… chi l’ha detto?!? Cominciamo il nostro viaggio ribaltando i cliché dell’estetica punk: Maxim Pozdorovkin e Mike Lerner firmano Pussy Riot – Una preghiera punk, il documentario lanciato dal Sundance Festival che ha presentato al mondo il celebre movimento femminista russo. Illuminante l’incontro con Nadia, Katia e Masha, leader del collettivo che con le sue azioni artistiche mette in difficoltà il governo di Vladimir Putin.

Da Mosca passiamo a Londra, culla del punk. E torniamo indietro nel tempo fino alla fine degli Anni Settanta: con Rebel Truce – La storia dei Clash ripercorriamo le tappe fondamentali della carriera della mitica band di Joe Strummer, simbolo dell’anticonformismo più libero e maturo; salvo tornare ai giorni nostri e spostarci in California per l’episodio di Rock Legends dedicato agli irrefrenabili Green Day.

Chi dice punk dice Sex Pistols. Chi dice Sex Pistols dice Sid e Nancy – Sex, drugs & punk: nel documentario di Alan G. Parker ricostruiamo la tossica e tragica storia d’amore tra il bassista del gruppo, Sid Vicious, e la compagna Nancy Spungen. Un rapporto segnato dalla caduta di entrambi nel vortice dell’autodistruzione, tra violenze domestiche e la ferocia dell’eroina: fino all’epilogo più drammatico. E tutt’ora avvolto dal mistero.

Commenta con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #PunkNight

La curiosità – Il primo concerto di Sid Vicious? Non i Pistols, ma con un’altra band culto della scena di fine Anni Settanta. Il futuro bassista si cimenta in uno show a Londra come sostituto del batterista dei Siouxsie and The Banshees.