Anarchia e velocità. Le regole del punk

24 settembre 2014


Contro tutto e tutti: contro l’ordine costituito, contro le gabbie del conformismo, contro le norme dei benpensanti, contro gli schemi precostituiti, contro i divieti. Anarchia e nichilismo, violenza verbale e sonora, sfogo impetuoso di una rabbia giovane: il punk ha saputo essere collettore di energie, etichetta in grado di raccogliere urgenze e istanze creative tra le più dirompenti del Novecento. Come dimostra la Punk Night  in onda su Sky Arte HD.

Brutti, sporchi e cattivi… chi l’ha detto?!? Cominciamo il nostro viaggio ribaltando i cliché dell’estetica punk: Maxim Pozdorovkin e Mike Lerner firmano Pussy Riot – Una preghiera punk, il documentario lanciato dal Sundance Festival che ha presentato al mondo il celebre movimento femminista russo. Illuminante l’incontro con Nadia, Katia e Masha, leader del collettivo che con le sue azioni artistiche mette in difficoltà il governo di Vladimir Putin.

Da Mosca passiamo a Londra, culla del punk. E torniamo indietro nel tempo fino alla fine degli Anni Settanta: con Rebel Truce – La storia dei Clash ripercorriamo le tappe fondamentali della carriera della mitica band di Joe Strummer, simbolo dell’anticonformismo più libero e maturo; salvo tornare ai giorni nostri e spostarci in California per l’episodio di Rock Legends dedicato agli irrefrenabili Green Day.

Chi dice punk dice Sex Pistols. Chi dice Sex Pistols dice Sid e Nancy – Sex, drugs & punk: nel documentario di Alan G. Parker ricostruiamo la tossica e tragica storia d’amore tra il bassista del gruppo, Sid Vicious, e la compagna Nancy Spungen. Un rapporto segnato dalla caduta di entrambi nel vortice dell’autodistruzione, tra violenze domestiche e la ferocia dell’eroina: fino all’epilogo più drammatico. E tutt’ora avvolto dal mistero.

Commenta con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #PunkNight

La curiosità – Il primo concerto di Sid Vicious? Non i Pistols, ma con un’altra band culto della scena di fine Anni Settanta. Il futuro bassista si cimenta in uno show a Londra come sostituto del batterista dei Siouxsie and The Banshees.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close