Appunti per una serata creativa

31 Luglio 2014


Il cast è di quelli importanti: da un lato Gael García Bernal, attore feticcio per il grande Iñárritu, dall’altro la conturbante Charlotte Gainsbourg. Dietro la macchina da presa un maestro dell’eclettismo come Michel Gondry, reduce dal successo internazionale per lo straordinario Her : gli ingredienti per fare de L’arte del sogno un grande film ci sono tutti. Si apre dunque col botto la serata che Sky Arte HD dedica al mondo del design.

Lo fa scegliendo la via della fiction, raccontando attraverso il film di Gondry la vicenda di Stéphane (Bernal, appunto), grafico annoiato dalla routine di un lavoro senza stimoli, che esorcizza nella costruzione di un mondo parallelo, squisitamente immaginario, nel quale rifugiarsi. Per architettare grazie al potere della fantasia una vita impossibile ma ideale, naturaklmente al fianco dell’amata.

Il flusso della creatività ci porta a Bilbao, città dei Paesi Baschi che ha già dato prova – con la sede del Guggenheim realizzata da Frank O. Gehry – di una certa predisposizione alla sperimentazione più disinvolta. Eccoci al cospetto delle 43 Colonne su cui Philippe Starck, in collaborazione con lo scenografo italiano Lorenzo Baraldi, ha impostato il centro culturale Alhondiga, tra i suoi progetti più ambiziosi e affascinanti.

Lui nasce architetto, lei pittrice. Si incontrano e si innamorano. Creando una coppia affiatata nella vita come nel lavoro, diventando una delle firme più importanti del design americano del Novecento. Sky Arte HD racconta la vita, professionale e intima, di Charles e Ray, in una parola gli Eames – The architect and the painter; figure determinanti per accompagnare il gusto degli Stati Uniti dall’era del Modernismo a quella del digitale.

Commenta con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #DesignersNight

La curiosità – Una seconda scelta… di lusso! Per interpretare il suolo di Stéphanie, co-protagonista de L’arte del sogno , Gondry aveva scelto ,l’amica Björk. È a seguito del rifiuto della star che il regista francese si vede costretto a “ripiegare” su Charlotte Gainsbourg. Quando si dice cadere in piedi…