Arte e design. In collina

20 ottobre 2014


Antichi castelli e dimore storiche, ville gentilizie e cascine rurali; e poi ancora vecchi bocciodromi e biblioteche, depositi di attività agricole e persino – suggestiva location all’aperto – il greto di un sinuoso torrente. Arte e design di incontrano nella suggestiva cornice della Val Tidone, nelle propaggini dell’Appennino Emiliano; nel punto in cui l’Emilia Romagna si incontra, nello spazio di una manciata di chilometri, con le punte meridionali di Lombardia e Piemonte, con l’entroterra montano della Liguria.

Una zona dalla fortissima identità, costruita nella memoria di tradizioni secolari. Una zona che è simbolo delle specificità proprie del Bel paese e che diventa inedito museo diffuso, palcoscenico per un intrigante progetto dalla schietta matrice contemporanea. Le telecamere di Sky Arte HD raccontano C.Ar.D., mostra che per trenta giorni – dalla metà di settembre a quella del mese successivo – ha aperto il cuore di un territorio unico alle istanze più recenti della creatività, prendendo possesso di undici spazi sparsi sul territorio di quattro diversi comuni.

Alice Cattaneo e Attilio Stocchi conquistano l’austera Rocca d’Olgisio, inaccessibile fortezza dalla storia millenaria, con la forza delle loro sculture e installazioni; mentre nella biblioteca del borgo di Pianello si respira aria di respiro internazionale con le opere di Svetlana Alpers, James Hyde e Barney Kulok. E attenzione a cosa spunta lungo il corso del Tidone: potreste imbattervi in un cavallo gigante! Ovviamente in legno, ovviamente firmato da Duilio Forte.

L’arte contemporanea si sposa al design, in un processo che viaggia senza soluzione di continuità. Scopriamo così, in luoghi inaspettati, creazioni firmate dal celeberrimo Ron Gilad e dallo Studio Formafantasma, next big thing  della scena mondiale. Oggetti e installazioni di grande eleganza, esposte in contesti di assoluta magia; piccoli gioielli nascosti, gemme di una provincia che esprime il suo carattere più segreto e affascinante.
La curiosità – La tradizione vuole che il castello di Rocca d’Olgisio sorga su un fortilizio risalente al V secolo d.C., dove avrebbero avuto i natali le sorelle Faustina e Liberata. Fuggite di casa per seguire la propria vocazione religiosa, osteggiata dal padre, ripararono a Como: dove fondarono un potente monastero.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close