Edoardo Bennato, rocker laureato

20 Gennaio 2015

Edoardo Bennato, protagonista di un episodio di Bonus Track

Edoardo Bennato ricorda ancora come la madre, in virtù “della sacra teoria per cui l’ozio è il padre dei vizi”, si preoccupasse sempre che i suoi ragazzi si tenessero impegnati anche durante le calde estati napoletane. Lei avrebbe voluto che Edoardo, insieme ai fratelli Eugenio e Giorgio (Zito, cognome della madre da nubile), studiassero inglese… Purtroppo, ma fortunatamente per noi, dopo due settimane di ricerche di un insegnante di lingua dovettero “ripiegare” su un maestro di musica.

Nasce così la passione di Edoardo Bennato per il rock, ma è alla sua città d’origine che vanno ricondotte anche molte altre delle sue innumerevoli passioni. Scopriamole insieme stasera, grazie all’episodio di Bonus Track dedicato al musicista partenopeo, in onda su Sky Arte HD alle 21:10. In questa serie, ogni puntata è infatti un sorprendente viaggio nella vita personale di un famoso musicista italiano, che davanti alle telecamere svela per la prima volta la sua “seconda vita” artistica.
Dopo aver approfondito la conoscenza del Vecchioni enigmista e di Zampaglione regista di film e fumettista, la visita di questa sera a casa Bennato ci rivelerà i suoi legami con il cinema, il design e l’architettura.

Edoardo Bennato è infatti un progettista laureato, che ha dedicato la sua tesi di laurea al miglioramento del suo quartiere natio, a Napoli, in relazione alla metropolitana: Ristrutturazione della zona dei Campi Flegrei con particolare riferimento alle reti di trasporto urbano collettivo, recita il titolo della sua dissertazione finale in Architettura.
Il “pallino” della progettazione torna talvolta a pungolarlo, tanto che nel 2012 ha fatto la sua apparizione al Fuorisalone di Milano, nell’animata via Tortona, per presentare una bussola disegnata da lui, e concepita per diventare un elemento d’arredo.

Ancora, risale al 2001 il suo debutto in campo cinematografico, quando si re-inventa compositore della colonna sonora del film di Leonardo Pieraccioni, Il principe e il pirata. Il singolo contenuto nella tracklist, Puramente casuale, deve proprio al cinema la sua ispirazione: si riferisce infatti al disclaimer che spesso appare al termine di molti film con una trama realistica, specificando che ogni riferimento alla realtà è appunto “puramente casuale”.
Se già non ci era chiaro, questa puntata di Bonus Track ci darà la conferma definitiva che, invece, la vita artistica di Edoardo Bennato è il frutto di una passione autentica, attentamente coltivata.

Commentate con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #BonusTrackBennato.

La curiosità – La vitalità di Edoardo Bennato si traduce in una precisa scelta… di abbigliamento. Il musicista è infatti un grande estimatore delle camicie hawaiane, anche se preferisce quelle dai colori meno appariscenti: verde, blu e azzurro.