Brando e Mitchum. Facce da duri

16 ottobre 2014


L’infanzia scapestrata, le espulsioni dalle scuole, l’assenza della figura paterna o il rifiuto della sua autorità; l’incapacità cronica di vivere secondo gli schemi prefissati dalla società: l’urgenza irrefrenabile di esprimersi per ciò che si è, contro tutto e contro tutti. L’allergia al compromesso, l’assoluta totale insofferenza alle regole. E quel volto, quell’espressione che ha reso entrambi due mostri sacri della settima arte.

Sky Arte HD dedica una serata a due tra i più importanti attori che la fabbrica dei sogni abbia mai conosciuto; due incorreggibili furfanti del grande schermo, da sempre e per sempre legati al ruolo del duro, del fuorilegge, del bad guy  tanto caro alla mitologia hollywoodiana. Il primo file ad essere aperto è quello dedicato al leggendario Robert Mitchum, sguardo beffardo e carattere indomabile, una carriera costruita sul lato oscuro del cinema.

Che si muova armato di colt e winchester nelle praterie del vecchio West o sfili come un’ombra tra i gangster di Chicago un dato è certo: Mitchum è sempre pronto a cacciarsi nei guai! Tante e tanto convincenti le sue interpretazioni nei panni dell’antieroe da renderlo un vero e proprio “cattivo per antonomasia”, figura dal fascino assoluto; che sembra esorcizzare sul set le contraddizioni di una vita scapestrata.

Un uomo difficile, Robert Mitchum. Certo non più semplice Marlon Brando: è lui l’altro protagonista di questa serata dedicata ai grandi ribelli del cinema. Dalla parte del violento e senza cuore Stanley Kowalski in Un tram chiamato desiderio  fino a quella del folle colonnello Kurtz in Apocalypse Now , ripercorriamo una carriera segnata da ruoli intensi e mai banali, inscritti a caratteri indelebili nella Storia.

Commenta con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #HollywoodMachos

La curiosità – Quella cella la riconosco! Nel 1962 Robert Mitchum interpreta nel film Il promontorio della paura  la parte del galeotto: il set di trova a Savannah, in Georgia, dove l’attore era stato arrestato adolescente, trent’anni prima, per vagabondaggio. E condannato ad una settimana di lavori forzati.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close