Brillano nel cielo di Vienna i big della lirica

4 Dicembre 2012


Una giovane soprano, talento tra i più limpidi della sua generazione, promessa mantenuta del mondo della classica. Un tenore di fama internazionale, autentico gigante della lirica, mattatore sui palcoscenici più prestigiosi del mondo: accompagnato, per l’occasione, da una delle sue più felici scoperte. Tre voci uniche, tre interpreti capaci di coinvolgere ed emozionare: Anna Netrebko, Placido Domingo e Rolando Villazòn sono Tre stelle a Vienna, protagonisti su Sky Arte HD di un imperdibile gala.

La cornice è quella, prestigiosa della Filarmonica di Vienna; in repertorio pagine memorabili del melodramma, per un viaggio nel bel canto che omaggia la grande scuola italiana: Verdi, Rossini, Puccini, Mascagni. Ma che sa guardare in modo completo all’intero universo della lirica, dalle complesse trame di Wagner a quelle di Massenet: un percorso omogeneo, intrigante, reso unico dalle incredibili performance vocali di tre protagonisti assoluti delle scene.

A nemmeno quarant’anni Anna Netrebko vanta già un curriculum internazionale di livello impareggiabile, costellato di performance e concerti in alcuni tra i teatri più importanti a livello mondiale. Una regina nei principali templi della lirica: la soprano è di casa alla Royal Opera House di Londra, al Metropolitan di New York e all’Opéra di Parigi. Il pubblico italiano ha avuto, ancora recentemente, l’occasione di vederla in azione dal vivo: intensa la sua prova nella Bohéme  in cartellone, lo scorso ottobre, alla Scala.

L’allievo sarà in grado di superare il maestro? A vincere la sfida tra Placido Domingo e il suo pupillo, Rolando Villazòn, sarà indiscutibilmente il pubblico di Sky Arte HD: timbri magnifici e temperamento unico per due virtuosi della voce, in grado di modulare il proprio canto con una naturalezza disarmante. Quello carico e profondo di Domingo, quasi baritonale e quello cristallino di Villazòn, tornato sulle scene dopo la grande paura: i guai alla voce e la recente operazione alle corde vocali sono solo un brutto ricordo. Ascoltare per credere.