Caccia aperta al Trono di Spade

23 Maggio 2014


C’era una volta un re. In effetti non troppo amato se è passato alla storia con l’appellativo di pazzo ! Quel re viene ucciso e naturalmente sostituito da uno tra i suoi nemici, che a sua volta viene ucciso da una congiura di palazzo e sostituito dal giovanissimo figlio maggiore, che poi… beh, meglio fermarsi qui prima che ci accusiate di spoilerare ! Intrighi, misteri, segreti, vendette e complotti sono all’ordine del giorno in una delle serie cult del momento.

Nuovo appuntamento con The Writers’ Room, lo show che vede Jim Rash – premio Oscar per la miglior sceneggiatura nel 2012 – svelare i segreti dei più amati serial televisivi del momento. Incontrando chi sta dietro le quinte, muovendosi nell’ombra e agendo nella stanza dei bottoni: ecco i volti di chi crea le trame, approfondisce i personaggi, determina l’evoluzione dei plot, prende decisioni destinate a influenzare milioni di fan nel mondo.

Compito arduo quello che tocca agli ospiti di questa puntata. David Benioff e D.B. Weiss sono le menti cui spetta la traduzione televisiva di Game of Thrones , il serial fantasy tratto dalla monumentale opera letteraria di George R.R. Martin. Un affascinante intreccio ispirato alla Guerra delle Due Rose, con la lotta senza quartiere che vede i litigiosi, violenti, machiavellici signori dei diversi regni di Westeros sfidarsi per la corona di sovrano.

Non mancano draghi sputafuoco, lupi giganteschi, zombie, streghe e malefici assortiti; non si risparmiano truculenze assortite e nemmeno scene piccanti: Game of Thrones  mescola tutti gli elementi su cui puntare per ottenere uno show che conquisti il favore del pubblico. Ma, ed è qui la vera magia, lo fa con raro senso dell’equilibrio; restando il più possibile aderente al plausibile. Quasi la realtà possa davvero surclassare la fantasia.

La curiosità – Quattordici morti ogni puntata: un record che fa di Games of Thrones  la serie tv più violenta in produzione. Ma che non si avvicina agli standard di Spartacus , con le sue ventidue uccisioni a episodio il serial più sanguinoso in assoluto.