Caravaggio. Un finale thrilling

5 dicembre 2014


Definire il suo carattere come fumantino è un garbato eufemismo: irascibile, intollerante, bizzoso e rissoso; volgare, violento, irritante almeno quanto è irritabile. Questo uno tra gli artisti più grandi di tutti i tempi, personaggio sempre sulla graticola: amato dai committenti, da quelli che oggi chiameremmo i suoi collezionisti, detestato dai colleghi al punto da essere continuamente citato in giudizio. Una vita sulle barricate quella di Caravaggio, costretto a difendersi. Sempre.

Era dovuto l’omaggio di Carlo Lucarelli al grande pittore lombardo, degno protagonista di una nuova puntata delle Muse Inquietanti: esiste forse altro artista, più del Merisi, che abbia legato il proprio nome alla cronaca nera, che abbia saputo – spesso sul malgrado – circondarsi di un alone di mistero e intrigo? La risposta è ovviamente negativa: Caravaggio è l’icona del genio e della sregolatezza, dell’equilibrio instabile tra l’estro creativo e la pura follia.

Un pennello in una mano, una spada nell’altra: la Roma dei primi anni del Seicento non è una placida città di provincia, ma luogo dove è facile – tra stamberghe e osterie – trovare occasioni di scontro. E Caravaggio non è solito fare passi indietro, mai. Lucarelli sfoglia documenti dell’epoca e carte processuali: ecco il nostro fermato, più e più volte, per possesso illegale di armi; eccolo citato in giudizio per diffamazione da questo e da quell’altro. Ed eccolo infine accusato di omicidio.

I tribunali papalini non badano troppo per il sottile: occhio per occhio, dente per dente. La pena per chi uccide è la morte. E qui il mistero si infittisce: chi ha coperto la fuga di Caravaggio dalla Città Eterna? Chi ne ha favorito le successive peregrinazioni in lungo e in largo per il Mediterraneo? Cosa lo ha portato, in modo altrettanto repentino, ad abbandonare Malta, dove si era rifugiato? E cosa lo ha ucciso, una mattina di quattro secoli fa, su una spiaggia solitaria della Toscana?

Commenta con noi la puntata sui social network seguendo l’hashtag #MuseInquietanti

La curiosità – Due lettere, ritrovate solo pochi mesi fa nell’archivio che conserva i carteggi del Duca di Urbino, chiariscono parte del mistero: Caravaggio è morto a Porto Ercole, e non in altre località lungo il percorso del suo ultimo viaggio, dal sud alla volta di Roma. Resta da capire perché gli uomini di fiducia del duca stessero “seguendo” l’artista, e perché siano stati tanto solleciti nell’annunciarne la morte al loro padrone…


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close