Che faticaccia stare al passo con i Beatles!

10 giugno 2013


Le fan in delirio: volti rigati dalle lacrime e mani nei capelli. Il cordone della polizia, imperturbabile nei tipici copricapi dei bobby  , decine di persone assiepate sulla massicciata della ferrovia a salutare il passaggio del treno; e poi ancora fuori dagli studi di registrazione e in teatro, per strada, in una folle ressa frenetica. In mezzo, divertiti e insieme spaventati, quattro ragazzi. I Beatles.

David Hurn è protagonista di una nuova puntata di Contact, la serie che racconta la carriera dei più grandi professionisti dell’agenzia Magnum partendo proprio dall’incontro, dal “contatto” con i loro più celebri soggetti. Nel caso del fotografo britannico non si tratta dei testimoni dell’invasione sovietica di Budapest, e nemmeno di Brigitte Bardot, immortalata sul set di Barbarella. Di tanti reportage di successo, quello che lo consegna alla storia è dedicato ai Fab Four.

Siamo nel 1964 e i quattro di Liverpool stanno girando A Hard Day’s Night , film promozionale destinato a lanciare sul mercato l’omonimo album. L’attesa è alle stelle, la pressione sale di giorno in giorno: Hurn si muove con ammirevole discrezione, cogliendo sguardi e focalizzando attimi che sanno restituire l’intensità di quei momenti. Ma anche la tensione più profonda impressa sul volto di chi percepisce il carico di responsabilità cui è sottoposto.

La concentrazione di Ringo e gli scherzi di John, l’imperturbabile George e l’istrionico Paul: l’eccitazione di quei giorni memorabili, il viaggio in treno da Liverpool a Londra e l’emozione del set cinematografico rivivono nel ricordo di un grande maestro del fotogiornalismo. Una sensibilità unica, capace di documentare la cronaca più stringente con un taglio che tradisce intima e coinvolgente empatia.

La curiosità – Si tratta del loro primo album senza cover, e anche dell’unico interamente a firma Lennon – McCartney. Ma il titolo di A Hard Day’s Night è stato trovato dal Beatles meno appariscente ed estroso: Ringo Starr. Una lunga e snervante giornata di riprese per il film, al momento ancora senza nome, quella del 19 marzo 1964: al punto che, completamente stremato, il batterista ha perso la cognizione del tempo. “It’s been a hard day…” sbuffa in un momento di pausa avvicinandosi a una finestra. Vede che ormai è buio e si corregge subito “… night!”. E nasce un gioco di parole che resta impresso nella storia del rock.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close