Debora, mattatrice nel segno di Walter Chiari

2 maggio 2013


Una carica esplosiva quella di Walter Chiari, mattatore assoluto della stagione eroica dei primi varietà televisivi. Una verve comica inimitabile e irripetibile la sua, costruita attorno a battute fulminanti ma anche esilaranti silenzi; un maratoneta della parola, capace di monologhi dal ritmo altissimo, a proprio agio con ogni tipo possibile di registro linguistico, dal più alto e forbito fino a quello più immediato e popolaresco.

E proprio dal terreno che lo ha visto eccellere arriva, oggi, l’omaggio al suo estro insuperabile. Sono “Le Pillole” di Chiari ad accendere le luci della ribalta su una nuova puntata di Atto Unico, la serie che vede alla prova i grandi interpreti del teatro contemporaneo italiano. L’immediatezza di uno sketch, pura prova di abilità; nessuna nota di regia e nessuna scenografia per un saggio di bravura che pone al centro della scena esclusivamente la cristallina capacità dell’attore.

O, come in questo caso, dell’attrice. Una duttilità eccezionale quella di Debora Villa, che sceglie di mettersi in gioco portando davanti alle telecamere di Sky Arte HD un autentico mito della cultura popolare italiana. Una carriera cominciata a teatro ed esplosa grazie al piccolo schermo quella di Villa, protagonista nel ruolo di Patti nella sitcom “Camera Café”; un talento umoristico prodigioso il suo, istrionico e trascinante.

Sketch contagiosi quelli di Walter Chiari, l’irresistibile “cretino” che a fianco di Carlo Campanini ha creato il mito del sarchiapone, creando uno tra i più fortunati e longevi tormentoni della storia della televisione italiana. La sua brillante qualità di trasformista rivive grazie all’ironia di Debora Villa: una mattatrice in grado di salutare nel migliore dei modi uno tra i più grandi talenti della comicità.